venerdì, Luglio 30, 2021
Home Blog

Covid, Mattarella: “Il virus limita la libertà”

0

La libertà “irrinunziabile”, che in questo momento è però ‘limitata’ dal virus e non dalle regole per sconfiggerlo. Anche perché più Sars-Cov-2 circola e maggiore è il rischio delle sue “mutazioni”. Insomma: “La vaccinazione è un dovere morale e civico”. E poi la scuola in presenza come “assoluta priorità”. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella interviene nel dibattito pubblico sul green pass e la necessità di completare in tempi brevi la campagna di vaccinazione, arginando la ripresa del contagio. Lo fa con parole inequivocabili, dopo le proteste contro il certificato verde degli ultimi giorni. E fissa la scuola in presenza come un obiettivo irrinunciabile di settembre, insieme al trasformare in “realtà” gli obiettivi scritti nel Pnrr esercitando una “grande capacità di ascolto e di mediazione” ma poi assumendo “decisioni chiare ed efficaci”.

A luglio 2021 aumento dell’indice del clima di fiducia dei consumatori

0

A luglio 2021 si stima un aumento sia dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 115,1 a 116,6) sia dell’indice composito del clima di fiducia delle imprese (da 112,8 a 116,3).

Tutte le componenti dell’indice di fiducia dei consumatori sono in crescita ad eccezione di quella futura: il clima economico passa da 126,9 a 129,6, quello personale sale da 111,1 a 112,2, quello corrente aumenta da 108,1 a 111,9; invece il clima futuro scende da 125,5 a 123,5.

Per quel che riguarda le imprese, si stima un miglioramento della fiducia in tutti i comparti oggetto di rilevazione. Nelle costruzioni, nei servizi e nel commercio al dettaglio l’indice aumenta decisamente (rispettivamente da 153,6 a 158,6, da 107,0 a 112,3 e da 107,2 a 111,0) mentre l’incremento è più contenuto nel comparto manifatturiero (da 114,8 a 115,7).

Con riferimento alle componenti degli indici di fiducia, nell’industria manifatturiera migliorano i giudizi sugli ordini e le scorte sono giudicate in diminuzione; le attese sulla produzione sono in lieve calo. Per quanto attiene alle costruzioni, tutte le componenti dell’indice sono in miglioramento.

In relazione ai servizi di mercato, i giudizi sugli ordini e quelli sull’andamento degli affari segnalano un netto recupero; le attese sugli ordini sono in lieve diminuzione. Nel commercio al dettaglio, i giudizi e le attese sulle vendite sono in miglioramento; il saldo dei giudizi sulle scorte diminuisce. La fiducia è in aumento in entrambi i circuiti distributivi analizzati: nella distribuzione tradizionale l’indice passa da 101,7 a 104,6 e nella grande distribuzione sale da 109,0 a 112,8.

Giornata tra nuvole e sole.

0

Giornata tra sole e nuvole al Nord, con isolati rovesci o temporali, specie al pomeriggio, su Alpi e Appennino Settentrionale, con locali sconfinamenti su coste liguri e pianure di Piemonte e Lombardia.

Temperature massime in generale stazionarie o in leggera crescita: caldo intenso al Centro-Sud e Isole, con le temperature più alte all’estremo Sud.

Grafica Veneta sotto inchiesta

0

Un’azienda di prestigio nel campo editoriale, la Grafica Veneta Spa di Trebaseleghe (Padova), famosa per la stampa di best seller come la saga di Harry Potter o la biografia di Obama, si è ritrovata coinvolta in una inchiesta che ha portato a 11 arresti tra cui l’amministratore delegato e il direttore dell’area tecnica dell’azienda padovana, Giorgio Bertan e Giampaolo Pinton. Secondo la procura i due dirigenti erano a conoscenza della situazione di illegalità e dei metodi violenti usati per soggiogare e intimidire lavoratori – l’Arma ha accertato che gli operai venivano assunti con regolari contratti ma lavoravano anche fino a 12 ore al giorno, senza pause, ferie, né tutele – e avrebbero cercato di eludere i controlli di sicurezza.

Interscambio commerciale con i paesi extra Ue27 in aumento

0

A giugno 2021 si stima, per l’interscambio commerciale con i paesi extra Ue27, un aumento congiunturale per entrambi i flussi, più ampio per le importazioni (+1,2%) rispetto alle esportazioni (+0,1%).

La dinamica congiunturale lievemente positiva dell’export è dovuta principalmente all’aumento delle vendite di beni intermedi (+6,1%) mentre diminuiscono quelle di beni strumentali (-4,5%). Dal lato dell’import, si rilevano incrementi su base mensile per beni di consumo durevoli (+13,2%), beni strumentali (+5,3%) e beni intermedi (+1,8%), mentre sono in calo gli acquisti di energia (-2,8%) e di beni di consumo non durevoli (-1,2%).

Nel secondo trimestre 2021, rispetto al trimestre precedente, l’export aumenta del 6,3%, per effetto soprattutto delle maggiori vendite di energia (+27,4%), beni strumentali (+7,9%) e beni intermedi (+6,8%). Nello stesso periodo, l’import registra un rialzo congiunturale del 10,9%, cui contribuiscono in particolare i forti aumenti degli acquisti di energia (+25,2%) e beni intermedi (+16,2%).

A giugno 2021, l’export cresce su base annua del 23,3%. La crescita, generalizzata, è straordinariamente elevata per energia (+191,6%). L’import segna un incremento tendenziale più ampio (+31,1%), esteso a tutti i raggruppamenti, a esclusione dei beni di consumo non durevoli (-15,5%).

La stima del saldo commerciale a giugno 2021 è pari a +4.790 milioni (+4.676 a giugno 2020). Aumenta l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (da +6.265 milioni per giugno 2020 a +7.517 milioni per giugno 2021).

A giugno 2021 l’export è in deciso aumento su base annua verso quasi tutti i principali paesi partner extra Ue27; gli aumenti più ampi riguardano paesi MERCOSUR (+71,5%), Stati Uniti (+35,7%), Turchia (+30,2%) e paesi ASEAN (+28,0%). Diminuiscono le vendite verso il Giappone (-21,2%).

Gli acquisti da paesi OPEC (+119,6%), paesi MERCOSUR (+69,1%), Russia (+67,2%) e Turchia (+54,8%), registrano incrementi tendenziali particolarmente ampi. Solo le importazioni dalla Cina risultano in calo (-10,0%).

Assemblea generale dei Soci di Assoedilizia. Relazione 2020

0

   Assemblea generale dei Soci di Assoedilizia. Relazione 2020

SENZA INTERRUZIONE LA TUTELA DEGLI INTERESSI DEI PROPRIETARI IMMOBILIARI NONOSTANTE L’ ANNO DEL COVID    

L’Assemblea Generale dei Soci di Assoedilizia, la più importante organizzazione territoriale dei proprietari di casa d’Italia, si è svolta ancora in un anno straordinario, caratterizzato però da previsioni di uscita dalla crisi causata dalla pandemia.

L’Assemblea, presieduta dal Presidente avv. Achille Colombo Clerici, ha approvato  all’unanimità il rendiconto consuntivo 2020 e il preventivo 2021, nonché nominato il Collegio dei revisori dei conti.

La Relazione del Consiglio Direttivo, preceduta da un minuto di silenzio in memoria delle vittime del Covid,  è stata illustrata dal Consigliere amministratore ing. Paolo Jacini. In essa sono state riaffermate le basi fondamentali della posizione dell’Associazione che si  ispirano da sempre  ai valori liberali e democratici, sia pure in un contesto nel quale non si può prescindere da un’azione pubblica.

Ricordato il costante rapporto con le istituzioni,  si sono trattati i temi di maggior interesse per gli Associati e i proprietari immobiliari in generale, sui quali Assoedilizia è puntualmente intervenuta, nonostante l’emergenza nella quale ha operato per quasi tutto il 2020: dalla tutela nei confronti di un fisco gravoso allo sviluppo armonico del territorio, al rilancio di Milano quale città europea e di crescente valenza nei confronti del turismo, specialmente internazionale, che apporta benefici economici diretti e che diventa messaggero all’estero dell’attrattività e della competitività della città e della regione.

Si sono organizzati incontri e convegni e si è partecipato ad iniziative economiche, culturali e politiche: tra queste, una lettera aperta al Sindaco per una campagna promozionale a sostegno di Milano, la partecipazione a iniziative sul rilancio delle Olimpiadi Milano-Cortina, alle attività dell’Osservatorio Smart City dell’Università Bocconi, del quale Assoedilizia è fondatore. L’Associazione ha promosso, con L’Università degli Studi, un ciclo di incontri sul futuro di Milano e del Paese, collaborando inoltre  costantemente con il Politecnico; ha ribadito, in ogni sede, e con ogni mezzo – compreso un inserto in quotidiano milanese, tema la tassa patrimoniale – che onerare di tasse, balzelli e burocrazia il comparto immobiliare è iniquo e controproducente; in quanto, come unanimemente riconosciuto, il comparto immobiliare rappresenta il volano più efficace per il rilancio dell’economia di un Paese.

Assoedilizia ha  organizzato un convegno on line sulla “Semplificazione e rigenerazione in materia urbanistica e edilizia”; nel contempo ha intrapreso iniziative di tutela dei diritti dei proprietari sul piano fiscale delle richieste di ristori opponendosi ad ogni intervento dirigistico sui canoni e favorendo accordi caso per caso; si è impegnata contro la revisione del Catasto urbano, ha rilanciato l’idea di una migliore utilizzazione del territorio e del suolo attraverso una vasta riqualificazione di “rigenerazione urbana”. E ad ogni incontro con le istituzioni è stata svolta un’ampia disamina delle problematiche connesse all’abitazione, alla sicurezza della casa e del territorio, alla riqualificazione delle periferie e dei quartieri di social housing, alla rilevanza sociale ed economica della locazione privata. Per il CIS-Certificato di idoneità statica degli edifici, si è ottenuto il rinvio, di proroga in proroga, fino ad ottobre 2021 mentre la legge della Regione Lombardia sulla rigenerazione urbana ha visto la collaborazione di Assoedilizia affinchè si seguisse la via degli incentivi, non quella dei deterrenti.

Mentre prosegue la collaborazione con  l’Osservatorio Metropolitano (CIAM-Collegio degli Ingegneri e Architetti di Milano, ArchxMi, AIM-Associazione Interessi Metropolitani) l’azione dell’Associazione si è esplicata su un più ampio territorio intensificando ulteriormente i rapporti con la Federazione Regionale Lombarda della Proprietà Edilizia-Federlombarda.

Tutto questo, va rilevato, in un periodo molto complesso: ma nonostante la necessità di contenere la diffusione del virus che ha messo a dura prova le capacità organizzative dell’Associazione, evitando oltretutto l’uso della cassa integrazione per i dipendenti, i Soci hanno ottenuto sempre l’assistenza richiesta. Una sfida vinta grazie all’apporto di tutti.

Proprio per far fronte a questa particolare situazione è stato introdotto un  nuovo canale di comunicazione agli Associati, quello delle circolari informative sui temi di maggiore attualità con cadenza quasi settimanale. Come pure un servizio di consulenza specializzato sul Superbonus ed in generale su tutte le agevolazioni fiscali riguardanti la casa; mentre sono proseguite, grazie a decine di consulenti, i Corsi di formazione per gli amministratori di condominio, il servizio di mediazione, il supporto per la soluzione dei mille problemi che il mondo della casa comporta.

Sul fronte della comunicazione e della promozione si sono addirittura incrementate le attività e le ricadute sui mass-media: intensa la collaborazione con mezzi audiovisivi nazionali quali, per citare, Corriere della Sera, QN Il Giorno, Repubblica, Sole 24 Ore, Il Giornale, Libero, La Verità, RaiNews 24, mentre la rivista “La Proprietà Edilizia” continua a rappresentare uno dei più apprezzati legami tra mondo associativo e Associazione.

Tokyo 2020, Bronzo a Centracchio. Bernardo: “Con grinta e umiltà si possono raggiungere le vette più alte”.

0

Maria Centracchio è bronzo nel judo 63 chilogrammi.


La judoka Maria Centracchio, grande orgoglio di Isernia e del Molise, vince al ‘golden score’ contro l’olandese Juul Franssen.

“La tenacia, l’impegno e la determinazione  di questa giovane e brillante atleta sono stati ampiamente riconosciuti e premiati a Tokyo 2020“, ha dichiarato la Prof.ssa Angela Bernardo che prosegue: “La sua splendida vittoria dimostra che con grinta ed umiltà si possono raggiungere le vette più alte. Complimenti vivissimi cara Maria a te e anche alla tua meravigliosa famiglia che da sempre ti sostiene con amore e dedizione”.

“GEOECONOMIA: ESISTONO ANCORA LE RETI GLOBALI?

0

Apriamo l’ultima settimana del mese di luglio con un seminario internazionale
Domani 27 luglio dalle ore 17.00 Gianni Lattanzio, Presidente di Confassociazioni International ed  Angelo Deiana, Presidente di CONFASSOCIAZIONI hanno il piacere di invitarvi all’appuntamento “GEOECONOMIA: ESISTONO ANCORA LE RETI GLOBALI?”
Con loro ci saranno Maurizio Cociancich Amministratore Delegato Adriafer, Igino Colella Presidente CSCMP Italy RT, Giorgio Prodi, Prof. Associato in Economia Applicata (Università Ferrara) e Board of Directors ITALCER Group, Francesco Russo Vicepresidente Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Valentino Soldan Head of Logistics Benetton Group, Antonella Teodoro Senior Transport Consultant MDS Transmodal ltd
L’incontro, patrocinato da CONFASSOCIAZIONI è organizzato da Confassociazioni International in collaborazione con CSCMP Italy Roundtable e Adriafer 
Coordinate per seguire il seminario: https://zoom.us/j/92649802654?pwd=aTR6M2tMOFpUbDhPU2RKQnJ3ZjZFUT09
#Confassociazioni #laretedellereti #unitisivince #ConfassociazioniInternational

Atti sessuali con minori, bidello ai domiciliari

0

Atti sessuali con minori, corruzione di minorenni e tentata prostituzione minorile. Sono questi i reati che la procura della Repubblica di Brescia contesta a un bidello 56enne di Travagliato, arrestato stamattina.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, l’uomo adescava minori all’interno della scuola media statale di Travagliato. Diverse le condotte contestate all’uomo e confermate dalle giovanissime persone offese sentite dagli inquirenti in audizione protetta. Alcuni degli abusi si sarebbero verificati anche a casa del 56enne, ora in custodia cautelare ai domiciliari in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

Il bidello di 56 anni arrestato a Travagliato vive in casa con l’anziana madre. L’uomo da anni lavorava come bidello all’Istituto comprensivo del paese e pare avesse problemi cognitivi. 

«Spiace che persone fragili psicologicamente vengano inserite nel mondo della scuola, bisognerebbe fare più attenzione» è il primo commento del sindaco del paese Renato Pasinetti.

Tunisia, chiusa la sede di al Jazeera.

0
epa09367178 Protesters gesture as Tunisian military forces guard the area around the parliament building in the capital Tunis, Tunisia, 26 July 2021. Protests followed in reaction to a move by the Tunisian President Saied to suspend the country's parliament and dismiss the Prime Minister, Hichem Mechichi late 25 July. EPA/Khaled Nasraoui

In base alle disposizioni del presidente della Repubblica Kais Saied, le forze dell’ordine tunisine hanno chiuso la sede locale della tv araba con base in Qatar, Al Jazeera. Ai giornalisti e impiegati è stato intimato in tempo utile di abbandonare i luoghi, ha fatto sapere il direttore della sede di Tunisi, Lotfi Hajji.

Poco prima Al Jazeera sulla propria pagina Facebook, basandosi su “fonti tunisine ben informate”, aveva scritto che il premier Hichem Mechichi non si trova agli arresti ma a casa sua e che ha intenzione di riunire ugualmente il Consiglio dei ministri. 

Momenti di tensione davanti all’ingresso del Parlamento, la cui sicurezza è affidata da questa notte all’esercito. Si sono formati due gruppi contrapposti, da un lato i sostenitori del presidente tunisino Kais Saied, dall’altro quelli del partito islamico Ennhadha, che ha chiamato a raccolta i suoi elettori per “ripristinare la democrazia” all’indomani della decisione del presidente Saied di sospendere i lavori dell’Assemblea, revocare l’immunità ai deputati e licenziare il premier Hichem Mechichi. Secondo la radio locale Mosaique Fm, il presidente del Parlamento e leader di Ennahda Ghanouchi resta nella sua auto davanti ai cancelli. Questa notte l’esercito gli aveva impedito di entrare, secondo gli ordini di Saied. La situazione è inedita e gli esiti sono imprevedibili. In queste circostanza il capo del sindacato per la sicurezza dell’aeroporto internazionale di Tunisi-Cartagine, Anis Ouartani, ha dichiarato alla tv di Stato Watania 1 che sono stati prese disposizioni d’intesa con i responsabili che prevedono il divieto ai politici di viaggiare e di uscire dal Paese.

Le decisioni di congelare per 30 giorni il Parlamento, revocare l’immunità ai deputati e licenziare il premier non rappresentano “un colpo di Stato”, si tratta di decisioni costituzionali, ai sensi dell’articolo 80 della Costituzione: lo ha detto il presidente tunisino, Kais Saied, rispondendo al presidente dell’Assemblea nonche’ leader del partito islamico Ennhadha (primo in parlamento), Rached Ghannouchi.