16 C
Rome
venerdì, Febbraio 23, 2024
HomeSCIENZE E TECNOLOGIETecnostress, 8 italiani su 10 incollati a smartphone e pc: come difendersi.

Tecnostress, 8 italiani su 10 incollati a smartphone e pc: come difendersi.

Date:

venerdì, Febbraio 23, 2024

Attaccati allo schermo del telefono o del Pc giorno e notte. Sono sempre di più gli italiani vittime di tecnostress: ben 8 su 10 contro i 5 su 10 del 2015. E la colpa è anche dell’abuso delle chat. A lanciare l’allarme e a fornire anche consigli sui possibili rimedi è, attraverso l’Adnkronos Salute, Enzo Di Frenna, fondatore di Netdipendenza Onlus.

“Se nel 2015 una nostra ricerca su 2.000 lavoratori digitali ci indicava che il 50% era tecnostressato, oggi con il massiccio uso dei social e dell’Ia questa percentuale è probabilmente salita a livello della popolazione generale all’80%. Soprattutto perché – spiega Di Frenna – è aumentato l’utilizzo dei dispositivi tra i giovani e anche fra quei lavoratori che prima non erano esposti al rischio come gli agricoltori che oggi usano il drone o il Pc per gestire le aziende”.

Identikit del tecnostressato

Ma qual è l’identikit della persona tecnostressata? “E’ chi quando si alza dal letto la mattina per prima cosa controlla il cellulare – risponde – poi passa almeno 30 minuti a leggere notizie o altro, e solo dopo fa colazione. Ma soprattutto durante la giornata controlla il telefonino 200 volte, nel 2014 una ricerca americana aveva verificato come in media controlliamo il cellulare 150 volte al giorno. A fine giornata il tecnostressato si mette a letto a guardare sempre il dispositivo prima di addormentarsi. Insomma, non può fare a meno del cellulare o dell’Ipad”.

Sintomi e rimedi

“La videodipendenza è una malattia e Netdipendenza Onlus – spiega Di Frenna – vuole aiutare queste persone a ‘staccarsi’. E’ come quando si mangia male e arriva l’obesità e malattie come il diabete, la stessa cosa accade con l’informazione, magari di pessima qualità, che fa diventare ‘obeso’ il cervello. Chi è tecnostressato ha mal di testa, soffre di insonnia, ha attacchi di ansia e può arrivare anche la depressione“.

Dal 2007 Netdipendenza Onlus promuove escursioni a contatto con la natura per prevenire la videodipendenza e il tecnostress, e tutti i rischi per la salute. “Nella natura si spegne il cellulare – avverte Di Frenna, uno dei massimi esperti italiani di tecnostress e digiuno digitale – io porto anche una custodia di Faraday dove metto il telefonino e anche se spento non emette più segnali. Nelle escursioni dobbiamo riconnetterci con la natura, tornare a vedere quello che c’è di bello intorno a noi e, per chi vuole, anche meditare nel silenzio”.

L’importante è imparare a sopravvivere all’overdose di informazioni, news, schermi, intelligenza artificiale, connessioni internet onnipresente e smart working. “Il digiuno digitale si può fare anche a casa, basta staccarsi dal telefonino e dal Pc, io aiuto le persone ad addestrarsi a non vivere attaccati all’incantesimo degli schermi, come lo definisco”. Ma per chi preferisce evadere dai confini domestici, domenica 15 ottobre si terrà il trekking di digiuno digitale in varie zone d’Italia e sulle alpi albanesi intorno alla cittadina di Skutari. Sono previste escursioni spontanee di cittadini nei boschi dell’Emilia Romagna, della Toscana e del Lazio, ma anche una passeggiata tra i boschi delle alpi albanesi condotta da Davide Malinarich di ‘North Albania Alp’ che ha aderito all’iniziativa insieme a un gruppo di italiani che vivono intorno alla cittadina di Skutari.

Chat di gruppo e come salvarsi

Altra insidia arriva dalle chat che crescono e si moltiplicano sul cellulare: da quelle di famiglia, a quelle di classe fino ai colleghi di lavoro e al tempo libero. Tanto che si fa fatica a stare dietro ai messaggi, agli audio e agli allegati che girano e ‘impallano’ il telefono. Difficile tenere il passo in tutti i gruppi e rispondere in tempo reale.

“C’è un’abitudine a usare WhatsApp – rileva Di Frenna – che crea dipendenza, perché c’è bisogno di sentirsi in collegamento con gli altri e ognuno si crea una chat per ogni cosa. E’ chiaro che l’attenzione del nostro cervello non può reggere più di 10 chat o gruppi – avverte – perché producono giornalmente dai 10 ai 30 messaggi e a fine giornata si arrivano a contare centinaia di comunicazioni. . Per non parlare delle note vocali che diventano lunghissime mentre dovrebbero essere al massimo di 30 secondi“.

ADNKRONOS.COM

Articoli Recenti

Caivano, gli atleti paralimpici visitano il cantiere dell’ex Delphinia.

Idee, spunti e condivisioni. Sono stati questi i temi dell’incontro che si è svolto ieri mattina all’ex centro Delphinia di Caivano tra i Gruppi...

Finanza etica, per la prima volta in Italia il summit della rete mondiale.

Armi e finanza, giustizia sociale e ambientale, intelligenza artificiale. Questi e altri temi saranno al centro del summit della rete mondiale della finanza etica, che...

Meloni: “Record di occupati, abbiamo smesso di pagare chi non lavora”.

"Abbiamo smesso di spendere i soldi dei cittadini per pagare chi non lavora e abbiamo dato soldi in più a chi lavora". E' quanto ha...

LA VICENDA DI H.M.: IL LOBO TEMPORALE E LA MEMORIA.

L'anno 1953 segna l'inizio di un capitolo significativo nella storia della neuroscienza, in particolare negli studi sulla memoria, con l'emergere di un paziente noto...

15° anniversario della ratifica della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.

Il 15° anniversario della ratifica della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, con Protocollo opzionale, approvata a New York il...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.