16 C
Rome
venerdì, Febbraio 23, 2024
HomeCulturaRoma abbraccia la storia e l'arte del vino di Michelangelo, erede di...

Roma abbraccia la storia e l’arte del vino di Michelangelo, erede di una storia d’impresa del Made in Italy agroalimentare di qualità che valorizza l’Irpinia.

Date:

venerdì, Febbraio 23, 2024

DOPO I PRESTIGIOSI RICONOSCIMENTI, LA CANTINA TERRE DI PETRARA PROSEGUE LA SFIDA DELLA QUALITA’ – In questo progetto imprenditoriale c’è dietro una storia di famiglia, che valorizza le tradizioni che arrivano da nonni e bisnonni. “Non solo ci impegniamo in una scelta dei prodotti di prima qualità, visto che facciamo un’accurata selezione delle uve da raccogliere, ma puntiamo anche a una particolare sapienza nella lavorazione e a una valorizzazione del territorio. Proprio il legame con il territorio costituisce il valore aggiunto di questa storia: un territorio che talvolta è sottovalutato e che è stato devastato dal terremoto del 1980, a seguito del quale agricoltori e imprenditori si sono dovuti rimboccare le maniche per far ripartire le attività dei campi, delle aziende, dei servizi”. Queste le commosse parole di Michelangelo Simonelli, imprenditore romano di origine irpina, responsabile della cantina Terre di Petrara, che si caratterizza per i suoi vini Taurasi, Fiano, Aglianico, che ben si abbinano ai prodotti del territorio campano, fatti di carne, pasta, formaggi, verdure.

Oggi puntiamo sulle nostre bottiglie d’annata di Taurasi Riserva, per rappresentare questa grande soddisfazione e un incoraggiamento ad andare avanti – aggiunge Michelangelo Simonelli, responsabile della cantina di famiglia, ricordando lo zio Mario Simonelli recentemente scomparso – L’entusiasmo per il ritorno dei giovani figli alla terra è un fatto concreto che ci inorgoglisce. Possiamo immaginare la gioia che avrebbero provato i nostri nonni e i nostri zii, di cui abbiamo recuperato le più antiche tradizioni di fronte a questi risultati, inferiori per numero di bottiglie quest’anno, ma non certo per qualità. Con la grande cura che dedichiamo alle nostre vigne, l’obiettivo è di valorizzare il territorio”.

CON IL TAURASI RISERVA, SPAZIO ALLE ECCELLENZE IRPINE A ROMA – La Capitale rappresenta il principale mercato di sbocco per questi prodotti regionali, che si sono fatti apprezzare anche dai giovani amanti del buon bere responsabile. Accanto ai marroni, al caciocavallo impiccato, ai tartufi della zona di Bagnoli Irpino, vi sono anche i fichi di San Mango sul Calore, per un rilancio del territorio e una visione dell’agricoltura 4.0, che mostri intraprendenza e tecnologie al servizio della qualità.

“Questa linea di Taurasi riserva, invecchiata un anno ulteriore in bottiglia e i formati magnum – conclude Simonelli – rappresentano il fiore all’occhiello della nostra produzione e un simbolo della tradizione del nostro territorio. Per noi rappresenta un grande orgoglio e speriamo che possa diffondersi sulle tavole di tutto il Paese, ma anche presso ristoranti, bar, enoteche. Il bere responsabile di qualità rappresenta la cultura e la capacità di saper apprezzare e valorizzare il nostro Made in Irpinia”.

STORIA DI UNA PICCOLA FAMIGLIA DEL VINO NEI SECOLI – La Cantina Terre di Petrara con il suo Taurasi 2016 si era già aggiudicata la Medaglia di Platino con 97 punti su 100 al Decanter World Wine Awards 2021, il più esteso e prestigioso concorso vinicolo internazionale che ha valutato più di 18mila campioni di vino da 56 Paesi di tutto il mondo. Uno straordinario successo per l’azienda vitivinicola di San Mango sul Calore (Avellino), che è stato seguito il Premio Winemag come miglior Cantina dell’anno ottenuto nel 2021.

L’azienda si trova nella verde Irpinia, la parte più interna dell’entroterra campano. Questa zona, caratterizzata da un paesaggio collinare e dalle distese boscose, rappresenta un luogo intriso di memoria e di antica cultura. Qui ha inizio la storia della famiglia Simonelli, che da secoli raccoglie i frutti della propria terra. Al 1816 risalgono le prime scritture ufficiali di questo percorso, oggi fedelmente riportati sulle etichette delle bottiglie. La produzione a carattere locale era riservata a pochi intimi fino al 2009, Giuseppe Simonelli, classe 1934, insieme ai fratelli Alberto e Mario, propose i vini al pubblico. Da subito l’azienda si pone il nuovo obiettivo di raggiungere un pubblico più ampio, comunque conservando i sapori dei vini che gustavano i nostri avi. Ad oggi la produzione annua è diminuita tra bottiglie tra Taurasi DOCG, Aglianico DOP e Fiano DOP, ma non la qualità. I terreni appartenenti a Terre di Petrara hanno una dimensione di 8.5 ettari; 3 ettari sono dedicati alla coltivazione del vitigno Fiano e 5.5 ettari sono invece dedicati al vitigno Aglianico. A vegliare sulle coltivazioni vi è una maestosa quercia centenaria, testimone della storia della Famiglia e del suo territorio, che oggi si pone quale simbolo nel logo di Terre di Petrara.

Ufficio Stampa Diessecom

Salvo Cagnazzo Mail: studiodiessecom@gmail.com Cell: 392 1105394  

Davide Volterra Mail: diessecom@gmail.com   Cell: 373 7500990

Daniele Toscano Mail: studiodiessecomdue@gmail.com Cell: 333 3757361

Articoli Recenti

Caivano, gli atleti paralimpici visitano il cantiere dell’ex Delphinia.

Idee, spunti e condivisioni. Sono stati questi i temi dell’incontro che si è svolto ieri mattina all’ex centro Delphinia di Caivano tra i Gruppi...

Finanza etica, per la prima volta in Italia il summit della rete mondiale.

Armi e finanza, giustizia sociale e ambientale, intelligenza artificiale. Questi e altri temi saranno al centro del summit della rete mondiale della finanza etica, che...

Meloni: “Record di occupati, abbiamo smesso di pagare chi non lavora”.

"Abbiamo smesso di spendere i soldi dei cittadini per pagare chi non lavora e abbiamo dato soldi in più a chi lavora". E' quanto ha...

LA VICENDA DI H.M.: IL LOBO TEMPORALE E LA MEMORIA.

L'anno 1953 segna l'inizio di un capitolo significativo nella storia della neuroscienza, in particolare negli studi sulla memoria, con l'emergere di un paziente noto...

15° anniversario della ratifica della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.

Il 15° anniversario della ratifica della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, con Protocollo opzionale, approvata a New York il...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.