12.7 C
Rome
domenica, Aprile 21, 2024
HomeATTUALITÀ E EDITORIALELa città di New York fa causa ai colossi social per la...

La città di New York fa causa ai colossi social per la salute mentale dei giovani.

Date:

domenica, Aprile 21, 2024

La città di New York, insieme a querelanti che includono il distretto scolastico e le organizzazioni sanitarie, ha presentato la causa nella filiale della contea di Los Angeles della Corte Superiore della California, a causa dei legami delle compagnie con l’area. La denuncia sostiene che Meta, Snap, ByteDance e Google (la cui azienda madre è Alphabet) hanno consapevolmente “progettato, sviluppato, prodotto, gestito, promosso, distribuito e commercializzato le loro piattaforme per attirare, catturare e creare dipendenza nei giovani, con minimo controllo genitoriale.”

E’ stato lo stesso sindaco di New York, Eric Adams, ad annuciare che la sua amministrazione ha presentato una causa legale contro le aziende madre di TikTok, Instagram, Facebook, Snapchat e YouTube, sostenendo che i loro servizi danneggiano la salute mentale di bambini e giovani adulti. “Nell’ultimo decennio, abbiamo visto quanto possa essere dipendente e opprimente il mondo online, esponendo i nostri bambini a un flusso incessante di contenuti dannosi e alimentando la nostra crisi nazionale di salute mentale giovanile,” ha dichiarato Adams. “Oggi, stiamo prendendo provvedimenti audaci a nome di milioni di newyorkesi per rendere queste compagnie responsabili del loro ruolo in questa crisi.

Nelle 311 pagine della denuncia, si rende evidente come il più grande distretto scolastico del paese, con circa 1 milione di studenti, abbia dovuto rispondere a problemi e interruzioni della didattica dentro e fuori le classi e abbia conseguentemente dovuto fornire consulenze per ansia e depressione e sviluppare percorsi appositi sugli effetti dei social media sulla salute mentale di bambini e adolescenti, sostenendo più di 100 milioni di dollari all’anno di spese in programmi e servizi.

Non si è fatta attendere la risposta dei social media interessati. “Collaboriamo regolarmente con esperti per comprendere le migliori pratiche emergenti, e continueremo a lavorare per mantenere la nostra comunità sicura affrontando sfide comuni a tutto il settore,” ha detto un portavoce di Tik Tok. Meta interessata già da altre accuse ha dichiarato di aver “lavorato su queste questioni per un decennio” e desidera “che gli adolescenti abbiano esperienze online sicure e appropriate per l’età, e abbiamo oltre 30 strumenti e funzionalità per sostenerli e i loro genitori.”

Fonte: ADNKRONOS.COM

Articoli Recenti

Portiere senza un braccio si tuffa e salva la squadra a 3 minuti dalla fine.

Una parata determinante, a 3 minuti al 90', un volo sul sette a respingere una punizione che stava per finire in rete. Un'impresa. Fatta...

Ucraina-Russia, Mosca “pronta a colloqui ma non con Zelensky”.

I segnali che la Russia è pronta a negoziare sull'Ucraina per porre fine alla guerra "non sono solo una finzione", ma i colloqui con...

Nessuna pace il 25 aprile, a Roma e Milano alta tensione.

Sarà un 25 aprile che non ha mai visto piazze così contrapposte, divise dal solco sempre più profondo tracciato dalla guerra in Medioriente. E...

Israele-Iran, Blinken: “Usa non coinvolti in attacco. Italia importante per de-escalation”.

"Gli Stati Uniti non sono stati coinvolti in nessuna operazione" di Israele contro l'Iran. Lo ha detto Antony Blinken, rispondendo a una domanda durante...

Estate, Europei e Olimpiadi: non esiste tempo libero

"Voglio del tempo libero, si ma libero proprio ogni attimo" cantava Ligabue. Eppure per un appassionato di sport come lui (pronto a festeggiare la...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.