19.6 C
Rome
sabato, Maggio 18, 2024
HomeATTUALITÀ E EDITORIALEBiden e Xi Jinping, l'esperto: "Così Washington evita terzo fronte".

Biden e Xi Jinping, l’esperto: “Così Washington evita terzo fronte”.

Date:

sabato, Maggio 18, 2024

Tre accordi, attesi e “significativi”, anche se “non tutto si risolve”, ma almeno un segnale di “calma” su quello che è un “terzo possibile fronte di tensione in un momento in cui sostanzialmente l’America è coinvolta, seppur indirettamente, in due guerre”, in Ucraina e in Medio Oriente con il conflitto fra Israele e Hamas. Ragiona così con l’Adnkronos Francesco Sisci, esperto di geopolitica ora a Pechino, in vista del faccia a faccia di domani negli Usa, a margine del vertice Apec di San Francisco, tra il presidente americano Joe Biden e il leader cinese Xi Jinping, convinto che “il terzo possibile fronte di tensione” per gli Usa, quello con il gigante asiatico, “sarebbe più pericoloso degli altri due” e che invece “una posizione più ragionevole di entrambi i Paesi” sia di beneficio per tutti, Asia per prima.

Biden e Xi non si vedono da un anno, dal bilaterale a margine del G20 di Bali. “E’ importante e utile che si incontrino”, dice Sisci, parlando dei “tre risultati attesi”, dal ‘patto sul fentanyl’ (che, secondo i Centers for Disease Control and Prevention, provoca la morte di oltre 150 persone al giorno per overdose) all’auspicata ripresa delle comunicazioni tra i militari delle due superpotenze, alle norme sull’utilizzo dell’intelligenza artificiale.

“Il problema del fentanyl è che è facile da trasportare, smerciare e produrre – afferma Sisci – La Cina esporta prodotti chimici che vengono trasformati in fentanyl, spesso in Messico. E l’accordo che controlla l’esportazione di questi prodotti chimici è un risultato positivo”. L’altro, prosegue, è “la ripresa dei colloqui militari che erano stati interrotti” ed è “importante perché probabilmente porterà a stabilire regole di ingaggio nel Mar cinese meridionale, riducendo i pericoli di scontro tra navi cinesi e altre unità vicine”. E poi un accordo non confermato per limitare l’uso militare dell’intelligenza artificiale senza la supervisione umana, per “non impiegare – spiega – armi guidate solo da intelligenza artificiale”.

I problemi tra le due superpotenze, evidenzia, “restano e rimangono in grande quantità”. Ma il dato è che in Cina “il tono è cambiato” ed è – rileva – “molto significativo dal momento che qui i cambiamenti di propaganda sono i più difficili da fare”. Sisci pensa agli articoli dell’ultimo periodo della stampa cinese, in passato carichi di retorica aggressiva nei confronti degli Usa. “Forse – dice – la Cina si rende conto che in questi due conflitti, sia in quello in Ucraina, sia nella Striscia di Gaza i suoi partner non usciranno vincenti”. Perché, continua Sisci, “la Russia è la grande sconfitta politica”, passato più di un anno e mezzo dall’invasione dell’Ucraina, la stessa Russia della partnership senza limiti di Vladimir Putin e Xi, e “a Gaza è ancora peggio dal momento che Hamas è completamente isolato ed è possibile scompaia del tutto alla fine di questa guerra”, innescata dal terribile attacco del 7 ottobre del gruppo in Israele.

I raid e le operazioni israeliane contro la Striscia di Gaza, dove Hamas aveva il controllo dal 2007 vanno avanti, e – dice Sisci – “alla fine del conflitto Israele potrebbe avere un ruolo internazionale in Medio Oriente ancor più forte” anche perché “tutti i Paesi arabi lo sostengono in modo tacito non volendo più essere ricattati direttamente o indirettamente da Hamas”. E, continua ancora, “anche l’Iran potrebbe essere più isolato nella regione”. Quindi, afferma, “la Cina si rende conto di questo cambiamento e sta iniziando a spostarsi, non sappiamo fino a dove arriverà questo spostamento, ma è significativo”.

Sul fronte economico, dice ancora, “i rapporti continueranno: non c’è il decoupling (disaccoppiamento delle economie) trumpiano, ma non credo ci saranno nemmeno passi avanti su de-risking e decopuling tecnologico”. E “questa posizione più ragionevole di entrambi i Paesi facilita i rapporti sia degli Usa sia della Cina in Asia” perché “nella regione nessuno vuole che la situazione sfugga di mano e precipiti in una guerra”.

Fonte: ADNKRONOS.COM

Articoli Recenti

Asi a caccia di talenti, un contest che nasce dai quartieri di Roma.

Scoprire talenti nei quartieri di Roma. Un contest che non vive all’interno di studi televisivi ma nelle piazze dei rioni e dei quartieri della...

Il turismo dentale transfrontaliero ha raggiunto livelli preoccupanti.

BARI - L’associazione AndiamoinOrdine, conta oltre 200 odontoiatri in Puglia, ha lanciato un allarme riconducibile ad un fenomeno sociale e alle sue conseguenze sulla salute...

Fare impresa al Sud: evento a Santa Maria a Vico per promuovere strumenti e strategia per la competitività e la valorizzazione dell’economia locale.

Il giorno 18 maggio alle ore 11, presso la Sala Sant’Eugenio della Basilica Maria SS. Assunta di Santa Maria a Vico (Caserta), si svolgerà il convegno...

Truffa con l’ecobonus, la Guardia di Finanza sequestra un miliardo di euro.

I finanzieri del Comando Provinciale di Savona hanno condotto una complessa attività di indagine nel settore dei crediti d'imposta, riconducibili a bonus in materia...

Pizzaballa a Gaza, prima visita dallo scoppio della guerra.

Per la prima volta dallo scoppio della guerra tra Israele e Hamas, il 7 ottobre, il Patriarca latino di Gerusalemme, Pierbattista Pizzaballa, è entrato...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.