12.7 C
Rome
domenica, Aprile 21, 2024
HomeECONOMIASalario minimo, sì o no: cosa dicono i dati dell'Ocse.

Salario minimo, sì o no: cosa dicono i dati dell’Ocse.

Date:

domenica, Aprile 21, 2024

Quando si parla di salario minimo, si parla di una misura che ha tradizionalmente diviso la politica e le parti sociali e che oggi è diventata soprattutto una misura di bandiera. Dell’opposizione, che intorno alla sua proposta ha trovato una unità che non è ancora riuscita a far valere su altri fronti. E anche della maggioranza che sostiene il governo, schierata compatta dietro il documento del Cnel che, di fatto, affossa l’iniziativa condivisa da Pd, M5S, Azione e Sinistra italiana.

Perché sì e perché no, il ruolo della contrattazione collettiva

Sì o no al salario minimo, pro o contro a una soluzione che ricorra a un intervento legislativo per affrontare il tema delle retribuzioni troppo basse. Chi è favore invoca la necessità di imporre una soglia necessaria anche alla contrattazione collettiva, chi è contrario sostiene che il paletto possa danneggiare proprio la contrattazione collettiva e avere un effetto contrario a quello considerato. In mezzo c’è chi, come il Governatore di Bankitalia Ignazio Visco, sostiene una posizione pragmatica: “Si dice che in Italia c’è già un salario contrattuale ma molti non sono coperti da questi contratti e credo siano quelli che devono avere una retribuzione ragionevole”.

Il calo dei salari reali, un problema italiano

Rispetto all’esigenza di intervenire per fare in modo che crescano, in un modo o nell’altro, i salari in Italia, vale la pena ricordare cosa dice l’ultima analisi dell’Ocse. Partendo dal salario reale. Un calo vicino al 7% c’è stato nel confronto tra il primo trimestre 2023 e il primo trimestre 2022. Un dato sopra la media dei 34 Paesi Ocse, dove i salari sono scesi in media del 3,8%. L’ultimo Employment Outlook dice anche altro. Il calo dei salari in Italia è stato ancora più alto se si va a guadare la fascia di retribuzione più bassa, con una perdita del 10,3%, rispetto a una media Ocse del 3,5%.

Il prezzo pagato all’inflazione, la più iniqua delle tasse

Perché si verifica il trend che i dati dell’Ocse descrivono con implacabile precisione? Perché il crollo dei salari reali è la prima conseguenza dell’aumento dell’inflazione che, come noto, va considerata la più iniqua delle tasse. Colpendo allo stesso modo chi guadagna poco e chi guadagna di più, la corsa al rialzo dei prezzi ha un effetto diretto sui redditi fissi e in proporzione molto più rilevante su chi ha un salario più basso. I dati Ocse dicono quindi una cosa che deve andare oltre, e venire prima, di qualsiasi misura di bandiera: è indispensabile occuparsi rapidamente di invertire una tendenza che impoverisce non solo i lavoratori ma l’intera economia. Con o senza un salario minimo per legge, con questi dati bisogna fare i conti.

Fabio Insenga

ADNKRONOS.COM

Articoli Recenti

Portiere senza un braccio si tuffa e salva la squadra a 3 minuti dalla fine.

Una parata determinante, a 3 minuti al 90', un volo sul sette a respingere una punizione che stava per finire in rete. Un'impresa. Fatta...

Ucraina-Russia, Mosca “pronta a colloqui ma non con Zelensky”.

I segnali che la Russia è pronta a negoziare sull'Ucraina per porre fine alla guerra "non sono solo una finzione", ma i colloqui con...

Nessuna pace il 25 aprile, a Roma e Milano alta tensione.

Sarà un 25 aprile che non ha mai visto piazze così contrapposte, divise dal solco sempre più profondo tracciato dalla guerra in Medioriente. E...

Israele-Iran, Blinken: “Usa non coinvolti in attacco. Italia importante per de-escalation”.

"Gli Stati Uniti non sono stati coinvolti in nessuna operazione" di Israele contro l'Iran. Lo ha detto Antony Blinken, rispondendo a una domanda durante...

Estate, Europei e Olimpiadi: non esiste tempo libero

"Voglio del tempo libero, si ma libero proprio ogni attimo" cantava Ligabue. Eppure per un appassionato di sport come lui (pronto a festeggiare la...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.