27.7 C
Rome
domenica, Aprile 14, 2024
HomeCulturaRiapre in Germania la Torre Einstein, gioiello dell’architettura funzionalista.

Riapre in Germania la Torre Einstein, gioiello dell’architettura funzionalista.

Date:

domenica, Aprile 14, 2024

Riapre, a mezz’ora da Berlino, un gioiello dell’architettura e della fisica a lungo inaccessibile. È l’Einsteinturm o Torre Einstein, l’osservatorio solare costruito sulla Telegraphenberg (collina del telegrafo) di Potsdam per suffragare la teoria della relatività di Albert Einstein e gestito dall’Istituto Leibniz di Astrofisica. Alta venti metri e vagamente amorfa, la Torre non ha angoli retti e contiene un elaborato sistema di specchi e lenti che indirizzano la luce solare dai telescopi posti sul tetto fino allo spettrografo e ai laboratori di osservazione nel seminterrato.

Dopo un lungo restauro conservativo volto a restituire al pubblico e alle generazioni future una preziosa eredità storica, fisica e architettonica – minacciata da infiltrazioni di umidità e segni di cedimento nelle pareti e nel tetto a cupola in zinco – la Torre riemerge all’alba del suo 99esimo compleanno completamente rinnovata e visitabile.

La Torre Einstein Tower nel Parco Scientifico Albert Einstein. Credit Thomas Wolf © Wüstenrot Stiftung.

L’Einsteinturm, o Torre Einstein, a Potsdam

Situata a 25 km a sud-ovest della capitale tedesca all’interno del Parco Scientifico Einstein, l’ Einsteinturm era stata costruita tra il 1919 il 1924 dall’architetto Erich Mendelssohn in collaborazione con l’astronomo Erwin Finlay-Freundlich e lo stesso Einstein. L’idea di Mendelssohn, che qui applicava per la prima volta il suo pionieristico stile funzionalista dinamico, era quella di rappresentare e facilitare la comprensione della teoria della relatività – che il celebre fisico presentò all’Accademia Prussiana delle Scienze nel 1915 e con cui vinse il Premio Nobel nel 1921 – attraverso una struttura che seguisse i dettami dell’architettura espressionista. All’epoca, riporta il Guardian, la costruzione era stata definita una “goffa astronave“, e molti curiosi si recavano apposta a vederla nella periferia della cittadina tedesca. Non molto entusiasta si diceva fosse invece lo stesso Einstein, che dopo un’estensiva visita insieme al suo creatore avrebbe laconicamente commentato: “Organico“.

Il restauro conservativo della Torre Einstein

Originariamente progettata in cemento, la Torre fu poi realizzata in mattoni stuccati per via della generale mancanza di materiali del primo dopoguerra: una decisione che rese l’edificio strutturalmente problematico fin dall’inizio. Durante i bombardamenti alleati della seconda guerra mondiale, poi, la struttura subì altri gravi danni, già affrontati in un primo restauro alla fine degli anni Novanta. “Ora è probabilmente in condizioni migliori rispetto a quando fu inaugurata quasi 100 anni fa”, ha commentato alla cerimonia di riapertura dello scorso 26 settembre Hagen Mehmel, l’ingegnere progettista che ha supervisionato i lavori iniziati nel 2021 e costati circa 1,25 milioni di euro con 10mila ore di lavoro di manodopera. “Una struttura fantastica: ai miei occhi è una scultura, ma dal punto di vista dell’ingegneria strutturale è un fiasco”, ha aggiunto l’ingegnere, che ha precisato: “La Torre Einstein potrebbe non essere più in prima linea nella ricerca, ma non è un semplice pezzo da museo […] È ancora molto utilizzata per formare gli studenti, ma anche per sviluppare e testare la strumentazione per nuovi telescopi solari più grandi”. Visto il proficuo utilizzo, soprattutto nello studio dei campi magnetici solari, la struttura sarà visitabile all’interno solo nei mesi invernali e in compagnia di una guida (qui le modalità). Per compensare gli orari ridotti, e divulgare la sua interessante storia, l’Istituto Leibnitz di Astrofisica ha lanciato una mostra digitaleEinsteinturm Revisited – commissionata dalla Fondazione Wüstenrot, che ha finanziato in gran parte il restauro –, che offre un tour storico-scientifico dell’edificio. “Al suo tempo, la Torre Einstein era un edificio rivoluzionario e il telescopio solare più importante d’Europa, e ancora oggi rappresenta l’eccellenza scientifica dell’AIP e del Telegrafenberg”, ha commentato all’inaugurazione la ministra tedesca della Scienza Manja Schüle. “D’ora in poi, la torre aprirà nuovamente le sue porte agli astrofisici di tutto il mondo, e offrirà anche spunti e panorami entusiasmanti a chiunque sia interessato all’architettura straordinaria e alla storia scientifica”.

Giulia Giaume

ARTRIBUNE.COM

Articoli Recenti

Ciclismo o windsurf, a bordo di Luna Rossa campioni altri sport.

Non solo vela, Luna Rossa è multisport. Nella nuova barca Ac75 varata oggi a Cagliari c'è di tutto. E ad alto livello: canottaggio, ciclismo...

Il drone-defibrillatore salva dall’infarto, nuovo successo per il progetto Sis118.

Un arresto cardiaco improvviso, una persona in codice rosso e la partenza dei soccorsi via terra e via cielo con il drone 'Prometheus' dotato di...

Tennis, cadono i grandi nel Principato: Sinner perde contro l’arbitro.

Torniamo a qualche stagione fa, torniamo alla stagione su terra rossa del 2022 e vedremo Casper Ruud in finale al Roland Garros e Stefanos...

Romantica, nel cuore di Roma l’innovazione si cuce con ago, filo e Chatgpt.

Due giorni nel cuore di Roma per immergersi in aghi, fili, bozzetti, essenze profumate. Una sartoria allestita nel salotto della città all’interno del Tempio...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.