16 C
Rome
venerdì, Febbraio 23, 2024
HomeSportÈ morto Carlo Mazzone.

È morto Carlo Mazzone.

Date:

venerdì, Febbraio 23, 2024

E’morto ieri ad Ascoli Piceno Carlo Mazzone, storico allenatore dell’Ascoli e di tante altre squadre.

Lo hanno confermato fonti di famiglia all’ANSA. Aveva 86 anni. Conosciuto come Sor Carletto, era il detentore di record di panchine in serie A: 792 quelle ufficiali, 797 considerando anche i cinque spareggi. Nel 2019 gli è stata intitolata la nuova tribuna Est dello stadio “Cino e Lillo Del Duca” di Ascoli Piceno, e nello stesso anno è stato inserito nella Hall of Fame del calcio italiano.

La sua carriera da allenatore è durata quasi 40 anni, sulle panchine di Ascoli, Fiorentina, Catanzaro, Bologna, Lecce, Pescara, Cagliari, Roma (allenarla fu per lui un sogno realizzato), Napoli, Perugia, Brescia e Livorno, con cui ha stabilito il record di panchine nella storia del calcio italiano, con 1.278 ufficiali.

“E’ stato fantastico averti come mister. E’ stato meraviglioso saperti leale e sincero. E’ stato troppo poco il tempo passato insieme”. E’ un messaggio d’amore e riconoscenza quello che Roberto Baggio manda – attraverso l’Ansa – a Carlo Mazzone nel giorno della sua morte. “Sono certo che l’amore delle tante persone che ti hanno voluto bene ti accompagnerà per sempre. Perla rara in un mondo che avrebbe bisogno del tuo esempio sempre coerente e sinceramente autentico. E’ stato bellissimo incontrarti carissimo mister, auguro al tuo viaggio eterno il meritato riposo nella luce più bella”.

In occasione della prima giornata di Serie A TIM si terrà su tutti i campi un minuto di raccoglimento in ricordo del tecnico romano. “Carlo Mazzone è stato un simbolo del calcio – le parole del presidente della Lega di serie A, Lorenzo Casini – Era il decano degli allenatori, con il record di quasi 800 panchine in Serie A. Ha dato tantissimo a questo sport sotto ogni profilo, tecnico, sportivo e umano. La Lega Serie A si unisce commossa al cordoglio della famiglia e di tutti i tifosi italiani”.

Il primatista di panchine, veterano dei tecnici, ‘padre’ adottivo di tanti calciatori. L’immagine della corsa sfrenata di Carlo Mazzone sotto la curva avversaria dopo un pari in Brescia-Atalanta, a sfogare la rabbia per gli insulti ricevuti, lo ha inseguito a dispetto di una carriera a schiena dritta, povera di risultati eclatanti ma ricca di riconoscimenti personali. Ma con la morte di Mazzone, se ne va il re dei tecnici di provincia, dove per provincia si intende il cuore del calcio italiano. Li’ dove la passione regna, oltre il palmares o i soldi spesi. Mazzone e’ stato primatista di presenze sulle panchine della Serie A, con 795, oltre che veterano dei tecnici in attività prima di ritirarsi a fare il nonno nella ‘sua’ Ascoli.

Il ‘sor Magara’ – epiteto guadagnato dal suo modo romano di storpiare l’esclamazione, moltiplicandola all’infinito – non è stato soltanto un allenatore di calcio ma anche, per molti ragazzi che hanno lavorato con lui, un secondo padre. Non a caso, un film dell’ottobre 2022 su di lui era intitolato proprio così, “Come un padre”. Perché tutti conoscono il tecnico, ma pochi hanno conosciuto veramente l’uomo che c’era dietro e quanto sia stato importante per la carriera e la vita di gente come Totti, Baggio, Guardiola (che gli dedicò la vittoria della Champions del 2009), Materazzi, Toni, Pirlo e tanti altri. 

ANSA.IT

Articoli Recenti

Caivano, gli atleti paralimpici visitano il cantiere dell’ex Delphinia.

Idee, spunti e condivisioni. Sono stati questi i temi dell’incontro che si è svolto ieri mattina all’ex centro Delphinia di Caivano tra i Gruppi...

Finanza etica, per la prima volta in Italia il summit della rete mondiale.

Armi e finanza, giustizia sociale e ambientale, intelligenza artificiale. Questi e altri temi saranno al centro del summit della rete mondiale della finanza etica, che...

Meloni: “Record di occupati, abbiamo smesso di pagare chi non lavora”.

"Abbiamo smesso di spendere i soldi dei cittadini per pagare chi non lavora e abbiamo dato soldi in più a chi lavora". E' quanto ha...

LA VICENDA DI H.M.: IL LOBO TEMPORALE E LA MEMORIA.

L'anno 1953 segna l'inizio di un capitolo significativo nella storia della neuroscienza, in particolare negli studi sulla memoria, con l'emergere di un paziente noto...

15° anniversario della ratifica della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.

Il 15° anniversario della ratifica della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, con Protocollo opzionale, approvata a New York il...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.