Titolo: Chiesa, Mafia e gli intrecci di “Mutu”

By on 30 Dicembre 2012

mutuRiceviamo dagli amici e colleghi di Vento Nuovo

di Federica Pacilio

IQ. 30/12/2012 – A poco più di un anno dall’inizio della sua attività il Rostocco di Acerra ha proposto, nei giorni 22 e 23 dicembre, un altro lavoro della sua rassegna teatrale, “Mutu”, scritto e interpretato da Aldo Rapè, vincitore dell’ultimo Festival di Avignone come “miglior spettacolo straniero”.

Dieci anni di silenzio, un ritorno, uno scontro.

La drammatica storia di due mondi a confronto, di verità mai pronunciate, di una terra che si imbratta ancora di sangue arricchendo l’esercito degli esecutori sempre più disperati.

Un prete ed un mafioso, la croce e la pistola, le urla ed il silenzio.

Un silenzio culturale, sociale, che penetra e si infittisce tra i vincoli familiari, distruggendoli.

Aldo Rapè irrompe, col suo intenso spettacolo, nelle coscienze ponendole dinanzi ad una realtà dicotomica; da un lato l’opinabilità di una strada, dall’altro la disperazione che induce a intraprenderla, da un lato la facilità con la quale si punta il dito, dall’altro l’ipocrisia delle istituzioni religiose che spesso, purtroppo, hanno chiuso occhi e bocche al cospetto di personalità discusse.

Nessun condannato, nessun assolto, tutti colpevoli.

Mutu.

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.