Prezzi all’importazione dei prodotti industriali

By on 17 Ottobre 2015

Nel mese di agosto 2015 l’indice dei prezzi all’importazione dei prodotti industriali diminuisce dell’1,7% rispetto al mese precedente e del 5,8% nei confronti di agosto 2014.

Prosegue quindi la fase di diminuzione dei prezzi dei beni importati, che tuttavia è influenzata in gran parte dalla flessione dei beni energetici: infatti al netto del comparto energetico l’indice diminuisce solo dello 0,1% rispetto al mese precedente e aumenta dell’1,0% in termini tendenziali.

I prezzi dei beni importati presentano, rispetto al mese precedente, una variazione negativa dello 0,1% per l’area euro e del 2,8% per l’area non euro. Ciò riflette in gran parte il peso elevato che hanno i prodotti energetici nelle importazioni dai paesi extra-europei. In termini tendenziali si registra una variazione positiva dello 0,2% per l’area euro ed una diminuzione del 10,1% per quella non euro.

Riguardo ai contributi settoriali alla dinamica tendenziale dell’indice generale, per l’area euro quello più rilevante deriva dai beni strumentali (+0,8 punti percentuali). Per l’area non euro il contributo più ampio proviene dall’energia (-11,1 punti percentuali).

Il settore di attività economica per il quale si rileva l’aumento tendenziale dei prezzi più marcato è per l’area euro quello della fabbricazione di mezzi di trasporto (+4,6%) e per l’area non euro quello delle altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine ed apparecchiature (+5,1%).

In occasione di questo comunicato, l’Istat diffonde la ricostruzione delle serie storiche degli indici dei prezzi all’importazione a partire da gennaio 2005 (si veda la nota informativa allegata). Le serie storiche complete degli indici dei prezzi all’importazione sono diffuse in allegato al comunicato.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.