12.7 C
Rome
domenica, Aprile 21, 2024
HomeATTUALITÀ E EDITORIALEPiano Usa-arabi per la Palestina, muro di Netanyahu.

Piano Usa-arabi per la Palestina, muro di Netanyahu.

Date:

domenica, Aprile 21, 2024

Dopo oltre quattro mesi di conflitto a Gaza gli Stati Uniti e i partner arabi stanno accelerando i propri sforzi per realizzare un piano di pace a lungo termine in Medio Oriente.

Lo rivela il Washington Post, riferendo che si lavora anche ad una tempistica precisa per la creazione di uno Stato palestinese. Il primo passo, un cessate il fuoco tra Israele e Hamas di sei settimane, durante le quali Washington annuncerebbe il progetto e la formazione di un governo palestinese ad interim.

Una strategia ambiziosa che però rischia di infrangersi sul muro di Benyamin Netanyahu, da sempre contrario alla soluzione dei due Stati: “Non è tempo di regali”, è stato il commento del suo portavoce all’iniziativa americana, che è suonato come una bocciatura. Il piano di pace, secondo il Wp, è legato ai negoziati per una tregua finalizzata al rilascio di altri ostaggi, che l’amministrazione Biden considera ancora “possibile”.

L’obiettivo è ottenere un’intesa prima dell’inizio del Ramadan, il 10 marzo, per evitare che il mese di digiuno peggiori ulteriormente le condizioni della popolazione di Gaza. A quel punto ci sarebbe il tempo di annunciare la road map: il ritiro delle comunità di coloni (molte, se non tutte) dalla Cisgiordania, una capitale palestinese a Gerusalemme Est, la ricostruzione di Gaza, accordi di sicurezza e governance per i Territori nella loro ritrovata unità.

Per Israele, come contropartita, garanzie specifiche di sicurezza e una normalizzazione nei rapporti con Riad e altri Stati arabi. A questo schema lavorano gli Stati Uniti con Egitto, Giordania, Qatar, Arabia Saudita, Emirati e rappresentanti palestinesi. Tra le opzioni valutate da Washington c’è anche il riconoscimento anticipato di uno Stato palestinese. Mentre dai Paesi arabi filtra ottimismo sulla possibilità di riunire i gruppi palestinesi per istituire un governo di tecnocrati, piuttosto che di politici, che porti a nuove elezioni. E si discute anche se la leadership politica di Hamas possa avere un ruolo nella Gaza del dopoguerra.

L’incognita principale in questo complicato processo resta Israele, che il Post ha definito “l’elefante nella stanza”. Perché il premier Netanyahu considera irricevibili le richieste di Hamas sugli ostaggi e soprattutto si oppone alla nascita di uno Stato palestinese. Nella convinzione, sostenuta dall’ultradestra del suo governo, che l’unica garanzia per la sicurezza sia quella di mantenere “il controllo di tutta l’area a ovest del Giordano”.

L’Anp, tra l’altro, non viene considerato un interlocutore serio perché “deve ancora condannare il massacro del 7 ottobre”, ha spiegato il portavoce del premier. Proprio Abu Mazen, parlando del piano arabo e americano, ha detto di aspettarsi “l’azione sul campo e non le parole” ed ha ribadito che l’Anp è pronta ad assumersi le proprie responsabilità a Gaza dopo la fine del conflitto. Eppure, secondo alcuni funzionari e analisti occidentali, sono proprio i due leader ad ostacolare una pace duratura. Sia Netanyahu che Abu Mazen “sono più interessati a mantenere i loro posti” che ad impegnarsi per “qualsiasi soluzione che trasformi” l’attuale quadro politico, è il parere espresso da Aaron David Miller, ex consigliere del Dipartimento di Stato Usa e coordinatore dei negoziati arabo-israeliani.

Fonte: ANSA.IT

Articoli Recenti

Portiere senza un braccio si tuffa e salva la squadra a 3 minuti dalla fine.

Una parata determinante, a 3 minuti al 90', un volo sul sette a respingere una punizione che stava per finire in rete. Un'impresa. Fatta...

Ucraina-Russia, Mosca “pronta a colloqui ma non con Zelensky”.

I segnali che la Russia è pronta a negoziare sull'Ucraina per porre fine alla guerra "non sono solo una finzione", ma i colloqui con...

Nessuna pace il 25 aprile, a Roma e Milano alta tensione.

Sarà un 25 aprile che non ha mai visto piazze così contrapposte, divise dal solco sempre più profondo tracciato dalla guerra in Medioriente. E...

Israele-Iran, Blinken: “Usa non coinvolti in attacco. Italia importante per de-escalation”.

"Gli Stati Uniti non sono stati coinvolti in nessuna operazione" di Israele contro l'Iran. Lo ha detto Antony Blinken, rispondendo a una domanda durante...

Estate, Europei e Olimpiadi: non esiste tempo libero

"Voglio del tempo libero, si ma libero proprio ogni attimo" cantava Ligabue. Eppure per un appassionato di sport come lui (pronto a festeggiare la...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.