30.3 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024
HomeGREEN & BLUE INNOVATION DISCOVERYPerché il rapporto con gli orsi deve farci riflettere.

Perché il rapporto con gli orsi deve farci riflettere.

Date:

sabato, Giugno 15, 2024

Le principali associazioni ambientaliste e animaliste nazionali hanno organizzato la manifestazione “Un futuro per l’Orso” in memoria di Amarena, scegliendo come luogo simbolico il Comune di Pescina dove una intera comunità ha vissuto in maniera assolutamente pacifica i frequenti passaggi di Amarena lungo le strade e i vicoli del paese e delle frazioni. La manifestazione del 10 settembre diviene un’importante occasione per sensibilizzare sul drammatico episodio recentemente accaduto, per chiedere pene certe per il responsabile, l’inasprimento delle pene previste in caso di bracconaggio su specie protette e per mobilitare enti, istituzioni e cittadini sul tema della conservazione non soltanto dell’orso marsicano, ma della fauna in generale. 

I contatti con gli orsi avvengono sempre più spesso e non si tratta di avvistamenti in boschi o foreste, ma anche di esemplari che raggiungono i centri abitati. L’orso, in Italia, è una specie protetta. Questo plantigrado è, infatti, una componente preziosa degli ecosistemi in cui è presente e una parte importante della nostra storia e cultura. Proprio per questo motivo la specie gode di una elevata tutela a livello europeo e italiano. L’uomo e l’orso bruno comune o eurasiatico convivono da migliaia di anni, anche se a giudicare da quello che succede ogni estate in Italia non si direbbe. Il copione è sempre lo stesso: una persona si avvicina troppo a un orso (quasi sempre a un’orsa con cuccioli da proteggere), viene attaccata, l’animale viene dichiarato pericoloso e se ne invoca l’abbattimento. In altre parole, l’orso va bene finché non ha nulla a che fare con noi. Ma abbattere un orso problematico non è mai una soluzione.

La coesistenza tra uomo e orso è possibile, ma si costruisce giorno per giorno con informazione capillare, prevenzione e comportamenti corretti. Proporre l’eliminazione di decine di orsi è una scelta ideologica e miope basata sull’idea, errata, per la quale il contenimento e la cancellazione della natura e degli animali che la abitano sarebbero l’unica opportunità per lo sviluppo locale: decenni di casi studio hanno dimostrato che una duratura crescita sociale è frutto del ritorno a una equilibrata convivenza con la natura. Puntare sulla ricerca e l’innovazione tecnologica per la tutela ambientale è la giusta soluzione.

Adoperarsi e mettere in campo le energie migliori dando spazio a ricercatori ed esperti diviene una necessità, lavorando per recuperare quanto non è stato fatto o è stato fatto in maniera insufficiente in questi anni, sostenendo le azioni mirate alla corretta e sicura convivenza tra uomo e selvatici per un nuovo rapporto con il territorio: la gestione faunistica non può seguire l’emotività del momento, ma deve basarsi su azioni programmate, pianificate, divulgate e convinte.

Articoli Recenti

Atletica, Roma2024 i nostri Europei.

"Al di là del mare esiste una città, dove gli uomini sanno già volare" cantava Antonello Venditti, ma vedendo quest'edizione degli Europei di Atletica...

HIV, in arrivo ulteriori nuovi farmaci a rilascio prolungato, una rivoluzione per i trattamenti.

Abbiamo già a disposizione due farmaci long acting per l’HIV, che si somministrano ogni 8 settimane per via intramuscolare. Altri ne arriveranno con somministrazione...

Il 23 giugno 2024 a Roma l’Apertura Straordinaria Serale del Mercatino Eco – Solidale & Vintage di Sant’Egidio.

Domenica 23 giugno 2024 dalle 19.00 il Mercato Eco-Solidale e Vintage della Comunità di Sant’Egidio in Via del Porto Fluviale 2 (Ostiense) aprirà per...

Federitaly celebra l’assegnazione del Marchio “Federitaly Made in Italy” a E. Marinella.

Siamo lieti di annunciare che Federitaly ha concluso con successo l’iter di certificazione per il marchio “Federitaly Made in Italy”, assegnando questo prestigioso riconoscimento...

Educati e formati alle differenze. I futuri geometri progettano l’accessibilità e (….vengono premiati).

Ancora una volta impegnati nel progettare l’accessibilità, i futuri geometri, studenti dei CAT, Istituti Tecnici a indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio hanno risposto all’appello...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.