16 C
Rome
venerdì, Febbraio 23, 2024
HomeSportParalimpici in Polizia, Bebe Vio: 'Ora noi come gli olimpici'.

Paralimpici in Polizia, Bebe Vio: ‘Ora noi come gli olimpici’.

Date:

venerdì, Febbraio 23, 2024

 “Lo giuro!”. Due parole che nel mondo paralimpico prima d’oggi non erano mai state pronunciate e che invece questa mattina nella sede del Cip sono diventate realtà, perché tredici atleti (sette uomini e sei donne) hanno prestato giuramento presso il corpo della Polizia di Stato davanti al numero uno del comitato italiano paralimpico, Luca Pancalli, e al capo della polizia, Vittorio Pisani. “E’ un’emozione fortissima sapere di essere parte di questa grande famiglia – ha detto la pluricampionessa Bebe Vio – Gridare lo giuro tutti insieme è stato molto bello. Pancalli ha voluto a tutti i costi questa cosa e noi siamo stati i primi a far parte di questo mondo. Non è solo un cambiamento nelle nostre vite, che siamo trattati come atleti olimpici, ma un cambiamento a livello sociale e culturale”. Gli atleti entrano dunque a far parte del ruolo tecnico-scientifico della Polizia di stato assunti, a tempo indeterminato, come agenti tecnici.

Con il loro ingresso viene infatti costituita, nella pianta organica della Polizia di Stato, la nuova sezione paralimpica delle Fiamme Oro. E se Bebe Vio è la stella dei tredici atleti paralimpici che oggi hanno prestato giuramento, con la schermitrice c’erano anche Vincenza Petrilli, Jacopo Luchini, René De Silvestro, Monica Boggioni, Carlotta Gilli, Giulia Ghiretti, Antonio Fantin, Stefano Raimondi, Simone Barlaam, Andreea Mogos, Edoardo Giordan ed Emanuele Lambertini.

Persone “che possono insegnarci tanto” ha detto Pisani nel suo discorso, aggiungendo come la presenza degli atleti paralimpici in Polizia “sarà d’esempio per tutti perché ci darete la forza di fare sempre qualcosa di più”. Il capo della polizia ha anche sottolineato come nello sport poi non contino solo medaglie, ma anche l’esempio di vite straordinarie che gli atleti paralimpici dimostrano definendoli un “esempio di coraggio e forza d’animo”. Da qui riparte anche Pancalli che non vede il mondo dello sport paralimpico come un mero “contenitore di medaglie”, ma qualcosa di più. “Vogliamo essere un pezzo di politiche pubbliche del paese”, ha spiegato il numero uno del Cip. Il giuramento di oggi poi lo inquadra come un “risultato storico per il paese e non solo per gli atleti” perché “è un tassello a quella silenziosa rivoluzione culturale che il comitato paralimpico sta portando avanti da anni e di questo sono orgoglioso”. 

ANSA.IT

Articoli Recenti

Caivano, gli atleti paralimpici visitano il cantiere dell’ex Delphinia.

Idee, spunti e condivisioni. Sono stati questi i temi dell’incontro che si è svolto ieri mattina all’ex centro Delphinia di Caivano tra i Gruppi...

Finanza etica, per la prima volta in Italia il summit della rete mondiale.

Armi e finanza, giustizia sociale e ambientale, intelligenza artificiale. Questi e altri temi saranno al centro del summit della rete mondiale della finanza etica, che...

Meloni: “Record di occupati, abbiamo smesso di pagare chi non lavora”.

"Abbiamo smesso di spendere i soldi dei cittadini per pagare chi non lavora e abbiamo dato soldi in più a chi lavora". E' quanto ha...

LA VICENDA DI H.M.: IL LOBO TEMPORALE E LA MEMORIA.

L'anno 1953 segna l'inizio di un capitolo significativo nella storia della neuroscienza, in particolare negli studi sulla memoria, con l'emergere di un paziente noto...

15° anniversario della ratifica della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.

Il 15° anniversario della ratifica della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, con Protocollo opzionale, approvata a New York il...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.