LE FONDAZIONI ITS-NTV TRA RIFORMA LEGISLATIVA E SVILUPPO DEI MODELLI DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO.

0
2150

Ci fa piacere tornare a parlare del Mondo delle Fondazioni ITS anche se la riforma di questo sistema di istruzione terziaria non universitaria è stato l’ultimo atto di questa complicata ed a volte drammatica Legislatura, segnata tra l’altro dall’emergenza COVID e conflitti internazionali.

L’occasione positiva è senz’altro il recentissimo convegno promosso dalla Fondazione Its per le Nuove Tecnologie della Vita (NTV) di Roma in partnership con Farmindustria e la Rete Nazionale delle Fondazioni ITS di settore, con la finalità di fare il punto sulle principali novità introdotte dal Parlamento ,che ha disciplinato finalmente questi soggetti formativi che si chiameranno da ora in poi Academy degli Istituti Tecnologici Superiori, e sui modelli “di politica di politica attiva per il lavoro , la ripresa, la resilienza lo sviluppo e competitività del Paese”.

Il convegno si è articolato su varie sessioni e molteplici interventi di rappresentanti delle imprese, delle forze sociali oltre che delle istituzioni e degli enti pubblici di questo comparto, i lavori sono stati coordinati dal dottor Massimo Maria de Meo, Presidente di Confassociazioni Terzo Settore e Fondazioni ITS, che aveva già svolto questo ruolo alle precedenti edizioni del 2019 e del 2021, stimolando i vari protagonisti ad illustrare le principali novità del modello formativo e l’intreccio in propsettiva con la Riforma legislativa e con gli investimenti previsti dal PNRR.

“All’indomani dell’approvazione della Camera dei deputati della legge di riforma organica degli Istituti Tecnici Superiori, non possiamo che esprimere la nostra più grande soddisfazione” ha dichiarato il prof. Giorgio Maracchioni, Presidente della Fondazione ITS NTV di Roma/Pomezia e coordinatore della Rete nazionale NTV, aprendo i lavori. Il Presidente Maracchioni ha proseguito ricordando che la riforma oltre ad introdurre una nuova denominazione degli Its, quali Istituti Tecnologici Superiori, prevede la realizzazione di campus multiregionali e multisettoriali. In questo scenario, la Rete Nazionale della Fondazione ITS per le Nuove Tecnologie della Vita, ha elaborato un progetto nazionale di Campus settoriale multiregionale a vocazione internazionale con HUB nelle Fondazioni ITS NTV per il consolidamento e lo sviluppo di collaborazioni locali e nazionali con le imprese del settore.

Naturalmente la discussione è stata finalizzata principalmente ad approfondire i risultati raggiunti dalla Fondazione Its per le Nuove Tecnologie della Vita del Lazio in attuazione del Protocollo d’intesa nazionale sottoscritto a gennaio 2019. da Farmindustria e la Rete Nazionale Its per le Nuove Tecnologie della Vita (che operano appunto nel settore farmaceutico, oltre che chimico e biotecnologico).

Si evidenzia la relazione del neo Presidente di Farmindustria dottor Marcello Cattani che ha condiviso il bilancio molto positivo di questa collaborazione, fornendo molti dati interessanti sia sul comparto in Italia (comparandolo con altri settori), sia sulla peculiarità di questa collaborazione con finalità di “responsabilità sociale.”

In particolare il Presidente di Farmindustria. ha affermato “Le risorse umane sono il principale fattore di competitività e di attrazione degli investimenti dell’industria farmaceutica nel Paese, grazie alla partnership con Rete Nazionale Its-Ntv abbiamo oggi una Academy del settore alla quale le imprese partecipano attivamente nelle diverse aree: dalla rilevazione dei fabbisogni alla co-progettazione, dalla docenza agli stage, dalla formazione pratica e alla ricerca applicata. Con importanti risultati: circa il 93% dei docenti sono esperti aziendali e il placement è pari al 100% (ancor prima della conclusione dei corsi). Nel 2022 sono 4 i corsi attivi con la partecipazione di 93 studenti e un aumento annuo delle iscrizioni del 55%.”

Il presidente Cattani si è poi soffermato sul modello di Academy settoriale, modello innovativo di politica attiva del lavoro, ( in linea con la recente riforma approvata) utile a favorire l’occupazione dei giovani, il mantenimento delle competenze degli addetti e il reinserimento occupazionale.

In conclusione ha ribadito il carattere “virtuoso di questa collaborazione tra il mondo dell’istruzione ed il mercato del lavoro” ed ha auspicato lo sviluppo di questa esperienza di successo, raccogliendo importanti indicazioni dal settore, che richiedono di investire in un Campus multiregionale, con un centro nazionale di eccellenza per il settore farmaceutico a vocazione internazionale , in stretto rapporto con HUB nelle Regioni dove sono presenti le altre sette Fondazioni ITS ( Dal Friuli Venezia Giulia alla Sicilia).

Va segnalato nel corso dei lavori del convegno il videointervento del Ministro per l’ Istruzione Patrizio Bianchi , che ha condiviso il giudizio positivo di questa esperienza di collaborazione tra Industria, Ricerca e sistema della Formazione, ringraziando tutti i soggetti da Farmindustria alle Fondazioni ITS NTV di Roma e della rete nazionale, che hanno dimostrato l’utilità di questo nuovo modello di formazione e politiche attive per il lavoro , a partire dal coinvolgimento delle imprese nella coprogettazione dei percorsi formativi per l’individuazione dei necessari profili professionali per lo sviluppo del Paese.

Di particolare interesse anche le testimonianze delle aziende, anche multinazionali, del settore farmaceutico coinvolte nella coprogettazione e codocenza e soprattutto si sono sentite le voci dei diretti destinatari di questo “modello”: gli studenti che hanno frequentato i percorsi della Fondazione ITS e che ora lavorano nelle aziende del settore, in alcuni casi quasi “opzionati” dalle stesse imprese a partire dalla fase obbligatoria di stage in azienda, che copre un terzo delle duemila ore previste nel biennio di studi.

E’ stato dedicato ampio spazio all’approfondimento sugli scenari e le prospettive future, anche in relazione al ruolo strategico delle risorse del PNRR destinate a rafforzare anche il” Sistema ITS”.

Su tale argomento in particolare si segnala l’interessante intervento del Direttore del Nucleo PNRR Stato-Regioni, dottor Giovanni Bocchieri, che oltre a portare il saluto del Ministro Mariastella Gelmini ha fatto il punto sull’intreccio riforma ITS e nuovi investimenti PNRR in questo comparto.

Un settore alla continua alla ricerca di molte figure professionali, che le imprese contribuiscono a formare con nuovi corsi e competenze STEM. Sarà sempre più importante la presenza nella didattica innovativa di laboratori con tecnologie avanzate e certificando le competenze con il coinvolgimento degli enti regolatori. Un impegno in cui l’interconnessione e la collaborazione tra pubblico e privato è un “modello di eccellenza”.

La giornata , come anticipato, era in concomitanza on il dibattito sulla fiducia al Governo Draghi , pertanto i numerosi interventi programmati di parlamentari di tutte le forze politiche sono slittati ad un successivo momento di approfondimento della riforma che anche la Rete degli ITS NTV avrà bisogno di fare . Si evidenzia la presenza e l’intervento dell’on Valentina Aprea , che oltre ad essere stata esponente di Governo è stata la firmataria insieme all’On. Gelmini, anche nella precedente Legislatura, di una tra le prime proposte di legge di riforma del sistema degli ITS. Nel suo contributo ha sottolineato che questa riforma è stata fortemente voluta dal Parlamento e che al di la delle differenti impostazioni ciascun gruppo parlamentare ha contribuito alla stesura di una legge organica ed adeguata alle esigenze formative ed occupazionali del Paese. Il risultato è stato senz’altro positivo ed il fatto che sia stata approvata sostanzialmente all’unanimità favorirà anche la successiva fase di monitoraggio sull’attuazione dei provvedimenti amministrativi necessari per la messa a regime della nuova disciplina.

Il panorama istituzionale è stato completato con l’intervento di Claudio Di Bernardino, Assessore alla Regione Lazio con deleghe in materia di Lavoro e nuovii diritti, Formazione, Scuola, Politiche per la ricostruzione , Personale. Nel suo contributo ha illustrato l’apporto prezioso della Conferenza delle Regioni e Province autonome, della quale è il Coordinatore della Commissione Istruzione, nei lavori parlamentari che hanno portato alla tanto attesa Riforma degli ITS. ruolo fondamentale nella programmazione delle politiche formative e professionali, competenza di ciascuna Regione, che dovrà raccordarsi con le nuove modalità previste nella Governance di settore e con la conseguente fase di elaborazione dei decreti attuativi, sui quali ha assicurato la massima disponibilità a collaborare con il Parlamento ed il Governo per una rapida ed efficace fase di implementazione della Riforma.

Sono poi intervenuti i rappresentanti di Anpal Servizi, Rappresentanti Sindacali del settore farmaceutico e da remoto il dottor Guido Torrielli, Presidente della rete nazionale delle Fondazioni ITS “ITS ITALY” e la dottoressa Antonella Zuccaro, responsabile struttura di ricerca sugli ITS, dell’Istituto INDIRE.

Nel pomeriggio a conclusione del convegno si è svolto un momento importante e molto atteso tra gli attuali studenti e dai giovani in generale, un vero e proprio “Career Day” un’attività promossa dalla rete delle Fondazioni, ciascuno nella propria sede, dedicata alla “scoperta” delle professioni e profili richiesti dalle imprese farmaceutiche per favorire l’incontro tra domanda e offerta nel mondo del lavoro.

Temi quest’ultimi al centro dell’attenzione anche della testata” Informazione Quotidiana” con la sua rubrica dedicata e con varie collaborazioni tra le quali ricordiamo quella con la Radio Web VOICEBOOKRADIO network interessante di esperienze nel mondo della Scuola e dei Giovani.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.