30.3 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024
HomeGoalSet&MatchGiro d’Italia: vince la nostalgia, il Monte Bondone è di Almeida.

Giro d’Italia: vince la nostalgia, il Monte Bondone è di Almeida.

Date:

sabato, Giugno 15, 2024

Sedici tappe e ora finalmente è iniziato il Giro d’Italia, meglio tardi che mai, anche perché il “mai” nello sport e nel ciclismo non sempre è contemplato. Per dare la scossa alla corsa rosa abbiamo fatto un tuffo indietro, grazie al nome che nel 2020 sorprese tutti rivalendosi al mondo: Joao Almeida, quindici giorni da leader nell’anno della pandemia quando la salita dello Stelvio lo fece saltare. Si riprende ora ciò che ha sempre meritato, vincendo la scalata del Monte Bondone e soprattuto accantonando l’immobilismo del gruppo favorito. Il primo fuoco d’artificio era atteso a Campo Imperatore o a Bergamo alla fine siamo arrivati alla terza settimana con una maglia rosa ottenuta grazie ad una fuga, quella di Armirail, che non ha mai avuto la vera occasione e speranza di candidarsi alla vittoria finale. Sulla salita finale del Monte Bondone quello che ha generato Almeida è un vero e proprio effetto domino, selezione pura e battaglia aperta per giungere in rosa a Roma, quel che tutti volevano e chiedevano al Giro. Finalmente si gioca a carte scoperte, il gruppo si scongela e si muove, adesso sarà un tutti contro tutti e la teoria del non farsi del male reciprocamente troppo presto o lasciare la leadership ingombrante dovrebbe essere definitivamente abbandonata, grazie Joao.

Joao Almeida

Almeida vince, ma è cambio rosa

15% di pendenza per alcuni tratti, arrivo in una salita spianata ma lunga oltre 20 km, tracciatura perfetta per lo spettacolo. È stato bello vedere il litigio tra Pinot e Cepeda certo, come altrettanto emozionante sono state le grandi prestazioni di Ben Healy e Jonathan Milan al comando delle classifiche di scalatori e dei punti, ma la battaglia per il titolo finale tra i favoriti ha un sapore diverso. Sul Monte Bondone non si è ancora capito chiaramente chi sarà il vincitore del Giro d’Italia, ma probabilmente i primi segnali di difficoltà sono stati tracciati e dalla lunga lista dei “probabili” si può cominciare a depennare alcuni nomi. Tre uomini sul podio, dietro di loro un distacco di 2 minuti e 21 di Damiano Caruso che non ha reagito alle accelerazioni dei top 3: come direbbero i Maneskin gli altri sono sembrati viaggiare su “un diverso fuso orario”. Mentre Healy conquista la maglia azzurra, Milan conferma la maglia ciclamino, le intenzioni del team UAE erano chiare fin dall’inizio del Bondone, immediatamente dopo la fine delle fatiche di Dennis si sono messi loro a frangere l’aria per l’uomo di classifica, Joao Almeida. È proprio il portoghese a partire, il primo a scappar via e la reazione è obbligata: Thomas, Roglic supportato dal prezioso alleato Kuss, Dunbar e Zana che si stacca rapidamente, e si, purtroppo per noi manca proprio Caruso nella breve fuga di testa.

Geraint Thomas

I due Jumbo Visma, Roglic e Kuss cercano di aiutarsi a vicenda, l’americano lavora per il suo capitano, ma il Leone inglese Geraint resta li con loro monitorando Almeida poco più avanti. Sfiniti dalle ripide pendenze i calabroni entrano in difficoltà, Thomas non può che non accorgersene e coglie l’occasione per riprendere il portoghese, sarà proprio lui a rivestire la maglia rosa al termine della salita. Roglic è stato salvato dall’americano, non è sembrato brillante e reattivo a differenza dell’Ineos e infatti al termine della tappa si ritroverà terzo alle spalle dei due protagonisti: arriva insieme a Dunbar con 25 secondi di ritardo. Chiaramente un giornata in difesa per lo sloveno che deve ringraziare il suo compagno di squadra senza il quale forse non sarebbe più in corsa ravvicinata. Kuss ha limitato i danni di Primosz, i segnali non sono incoraggianti perché non sempre si troverà con il salvagente giallo dei compagni di squadra che possono portarlo fino al traguardo e anzi adesso deve recuperare 29 secondi all’inglese, urge una risposta se vuole vincere il Giro. Thomas non ha vinto la tappa, ma per il momento l’obiettivo è raggiunto: riprende la maglia rosa e ha 18 secondi di vantaggio sul portoghese che invece è ben contento di essere risucito finalmente a vincere una frazione di un grande giro, e per di più in quello che lo aveva lanciato. Geraint in rosa, Joao in bianco -miglior giovane- e Primosz resta in giallo, ma non siamo al Tour anche se mai come oggi indossare i colori della Jumbo Visma è stato di vitale importanza.

Articoli Recenti

Atletica, Roma2024 i nostri Europei.

"Al di là del mare esiste una città, dove gli uomini sanno già volare" cantava Antonello Venditti, ma vedendo quest'edizione degli Europei di Atletica...

HIV, in arrivo ulteriori nuovi farmaci a rilascio prolungato, una rivoluzione per i trattamenti.

Abbiamo già a disposizione due farmaci long acting per l’HIV, che si somministrano ogni 8 settimane per via intramuscolare. Altri ne arriveranno con somministrazione...

Il 23 giugno 2024 a Roma l’Apertura Straordinaria Serale del Mercatino Eco – Solidale & Vintage di Sant’Egidio.

Domenica 23 giugno 2024 dalle 19.00 il Mercato Eco-Solidale e Vintage della Comunità di Sant’Egidio in Via del Porto Fluviale 2 (Ostiense) aprirà per...

Federitaly celebra l’assegnazione del Marchio “Federitaly Made in Italy” a E. Marinella.

Siamo lieti di annunciare che Federitaly ha concluso con successo l’iter di certificazione per il marchio “Federitaly Made in Italy”, assegnando questo prestigioso riconoscimento...

Educati e formati alle differenze. I futuri geometri progettano l’accessibilità e (….vengono premiati).

Ancora una volta impegnati nel progettare l’accessibilità, i futuri geometri, studenti dei CAT, Istituti Tecnici a indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio hanno risposto all’appello...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.