21.1 C
Rome
giovedì, Giugno 13, 2024
HomeCulturaBack to school | Dal garage alle stelle, la storia di una...

Back to school | Dal garage alle stelle, la storia di una delle scuole più innovative al mondo. Tutta italiana.

Date:

giovedì, Giugno 13, 2024

Se la narrativa della Silicon Valley ha reso celebre il garage come luogo di partenza di straordinarie storie di business, c’è un nuovo paradigma che si afferma per raccontare le origini delle scuole più innovative al mondo: il condominio.  Ed è proprio all’interno di un caseggiato a Pomigliano D’Arco, in provincia di Napoli, che inizia la parabola dell’Isis Europa, istituto di scuola secondaria, giunto agli onori della cronaca per essere nella top 10 delle scuole più innovative secondo il World’s Best School Prizes T4, uno dei riconoscimenti più prestigiosi al mondo nel settore dell’istruzione: «Siamo partiti dalle nostre debolezze: la dispersione scolastica e la mancanza di spazi opportuni per l’attività didattica. Invece di piangerci addosso, abbiamo provato a convertire le nostre difficoltà in punti di forza, chiedendoci, “cosa possiamo fare”?», racconta a Startupitalia Angela Comparone, dirigente scolastico di Isis Europa.

Il Metaverso dell’errore 

Intervistiamo Comparone il 31 luglio. È ancora a scuola a lavorare, insieme a due docenti che sono tra i più attivi nello sperimentare nuovi strumenti e approcci didattici, Angela Schisa e Roberto Castaldo, che hanno offerto spunti per questo articolo.  La domanda da cui partiamo è come è riuscita l’Isis Europa a diventare una delle scuole più innovative al mondo? Per capirlo, dobbiamo soffermarci su tre parole chiave: strumenti, approccio e formazione dei docenti. In cima agli strumenti didattici innovativi introdotti dall’istituto c’è un metaverso, costruito dai ragazzi e dalle ragazze della scuola sulla piattaforma Spatial.io. All’interno di questo docenti e studenti hanno creato delle unità di apprendimento in più materie (UDA) come quella dedicata alla Shoah, chiamata Isola della Memoria per offrire esperienze didattiche immersive. Tutto è nato da una visita a Auschwitz, con gli studenti che hanno realizzato dei video e del materiale, poi introdotto all’interno del metaverso. Con i loro avatar possono muoversi all’interno degli spazi, leggere interviste a personalità, articoli di giornale del tempo, fino alle ricerche fatte dai loro compagni.

All’interno del metaverso si può anche visitare il Museo dell’Errore, un’invenzione della scuola che racconta bene anche l’innovazione che è alla base dell’ approccio didattico. All’interno di un hangar industriale, sono raccolti gli errori più celebri della storia nella scienza, come nel commercio, che hanno dato vita, paradossalmente, a scoperte scientifiche o alimentari, come le patatine e il panettone: «Con questo Museo vogliamo trasmettere il messaggio che bisogna far pace con l’errore. Una scuola, che comunica agli studenti che gli inciampi nella vita sono necessari, offre loro la possibilità di superare la paura del giudizio e della valutazione, su cui si regge ancora purtroppo gran parte della didattica nazionale», prosegue Comparone.

Le collaborazioni di Isis Europa

Per stare al passo con i tempi, i docenti dell’Isis Europa si sono formati con un nuovo modello educativo, MLTV, nato da una collaborazione tra Indire, Istituto nazionale di documentazione innovazione e ricerca educativa e la Harvard Graduate School of Education di Boston. Acronimo di make learning and thinking visible, è una strategia di apprendimento che punta a sviluppare il senso critico, l’empatia, la capacità di lavorare in gruppo e l’autovalutazione. La base dello MLTV sono le thinking routine, ovvero esercizi che aiutano gli studenti a farsi delle domande partendo da input visivi, che li aiutano a creare dei collegamenti e a comprendere quali sono i concetti del testo che vale la pena ricordare.  «L’obiettivo è di far diventare gli studenti dei pensatori abituali, promuovendo il lavoro di gruppo e la possibilità per ognuno di esprimere il proprio talento. Allo stesso tempo, forniamo ai docenti la possibilità di migliorare le loro metodologie didattiche, attraverso dei percorsi formativi che avvengono in Italia, come all’estero», evidenzia Comparone. Altra collaborazione decisiva è stata quella con l’associazione Junior Achievement, sesta ONG al mondo, la più vasta organizzazione dedicata all’educazione economico imprenditoriale dei più giovani, candidata per il secondo anno consecutivo al Premio Nobel per la Pace.  Grazie anche a loro, l’Isis Europa ha iniziato il suo percorso che la vede candidata nella top 10 del World’s Best School Prizes T4.

L’impatto della scuola sulla società

Un altro obiettivo dell’Isis Europa è di creare una scuola civica, realizzando delle attività per integrare la scuola con il territorio, con gli studenti che partecipano attivamente alla crescita della propria comunità, in un percorso di apprendimento noto come service learning. Proprio all’interno del service learning gli studenti della scuola hanno creato uno sportello di informazioni per aiutare i cittadini di Casalnuovo, altro comune in provincia di Napoli, a usufruire di alcuni servizi comunali digitali, aiutandoli, per esempio, in operazioni su come ottenere lo SPID o informarsi in modo veloce sugli orari dei trasporti pubblici, come delle farmacie di turno. Anche qui Comparone ci spiega le difficoltà di questa iniziativa quando ha provato ad offrire questo servizio ad altri comuni campani, ma nessuno ha voluto adottare uno strumento utile e, soprattutto, gratuito. 

La scuola che forma operai specializzati

Ci sono due altri progetti che la scuola sta mettendo a punto. La creazione di due laboratori per permettere agli studenti di accedere al metaverso attraverso dei visori e la gestione di un altro edificio che servirà ad avvicinare il mondo dell’impresa alla scuola, creando i professionisti specializzati di cui le aziende oggi hanno bisogno: «Ci sono tante eccellenze nella scuola italiana che purtroppo sono monadi che hanno difficoltà a parlare tra loro. Nel nostro piccolo stiamo cercando di non chiuderci e di provare a costruire una nostra rete, mettendoci in contatto con altre scuole e istituzioni culturali. Serve una rete solida per condividere buone pratiche e anche un sistema di tutoraggio annuale per aiutare soprattutto i docenti che iniziano il loro percorso a essere più assistiti e preparati», conclude Comparone.

GIANCARLO DONADIO

STARTUITALIA.EU

Articoli Recenti

Con Salvamamme il Grande Cuore di Roma al servizio del bene comune. Dal 12 al 16 giugno nella Città dell’Altra Economia al via il villaggio...

Dal 12 al 16 giugno 2024, la Città dell’Altra Economia di Roma (Largo Dino Frisullo) ospita il grande villaggio della solidarietà, della cultura e della salute di Salvamamme, Croce Rossa Area Metropolitana e OPES. Tir, furgoni,...

Tamberi: la notte più azzurra.

Può essere un "banale" titolo europeo la notte più bella di un atleta che ha vinto Oro Olimpico, Mondiale ed è il primatista della...

NON APRITE QUELLA TOMBA: LA MALEDIZIONE DI TAMERLANO.

Quando nel 1941 Stalin ordinò all’antropologo Mikhail M. Gerasimov di riesumare il corpo di Tamerlano, non avrebbe mai immaginato che una antica maledizione posta...

TERMINA OGGI AQUA FILM FESTIVAL – A ROMA L’ OTTAVA EDIZIONE DIRETTO DA ELEONORA VALLONE CON MADRINA MILENA VUKOTIC.

Termina oggi alla Casa del Cinema di Roma di Villa Borghese con la cerimonia di premiazione (a partire dalle ore 15.00)  l'ottava edizione l’Aqua Film Festival, la rassegna...

La Volpe Argentata Invitational, l’appuntamento più glamour tra golf e auto d’epoca.

Torna l’appuntamento con il golf e le auto d’epoca con il prestigioso evento "La Volpe Argentata Invitational". Domenica 16 giugno si disputerà la sesta...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.