BCE. Draghi azzera i tassi di interesse

By on 11 Marzo 2016

Tassi di interesse a zero, l’ammontare degli acquisti mensili di titoli nell’ambito del ‘quantitative easing’ esteso a 80 miliardi, l’allargamento del programma alle obbligazioni delle aziende e Tltro a tassi negativi, ovvero le banche potrebbero di fatto essere pagate dalla Bce per fornire credito all’economia. Piu’ che un bazooka, una “bomba nucleare”, ha scherzato un giornalista durante la conferenza stampa di Mario Draghi, che ha stupito i mercati con un allentamento della politica monetaria molto piu’ vasto di quanto si attendessero i mercati, i quali puntavano su un’estensione del ‘Qe’ da 60 a 70 miliardi e un intervento limitato ai soli tassi sui depositi. Francoforte, invece, non ha solo portato questi ultimi dal -0,3% al -0,4% ma ha abbassato il ‘refi’, ovvero il tasso di rifinanziamento pronti contro termine, dallo 0,05% a zero e il tasso marginale dallo 0,3% allo 0,25%.

 

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com