19.4 C
Rome
giovedì, Maggio 23, 2024
HomeATTUALITÀ E EDITORIALEAmianto killer nelle forze armate: maxi risarcimento di 504 mila euro alla...

Amianto killer nelle forze armate: maxi risarcimento di 504 mila euro alla vedova del cannoniere Piero Caratelli deceduto per un mesotelioma pleurico.

Date:

giovedì, Maggio 23, 2024

Il Tribunale di Roma ha condannato il Ministero della Difesa ad un maxi risarcimento di 504.000,00 euro (oltre interessi legali e spese processuali), a favore di Irene Lupino, vedova del cannoniere Piero Caratelli, deceduto a 71 anni nel marzo del 2018 per un mesotelioma peritoneale da esposizione ad amianto nei mezzi corazzati. L’uomo è stato esposto a forti dosi di fibra killer e ad altri agenti tossici nocivi, incluse sorgenti radioattive da metalli pesanti (uranio impoverito, radon, etc.) durante il servizio di leva, svolto dall’ottobre del 1966 al dicembre 1967, presso la caserma “Franco Martelli” di Pordenone che fu sede dell’8° Reggimento dei Bersaglieri. La Difesa già nell’ottobre 2020 era stata condannata in via definitiva al riconoscimento di vittima del dovere del militare e il Ministero dell’Interno a concedere a lui e alla vedova, che risiede con tutta la famiglia a Roma, i benefici assistenziali e quelli spettanti alle vittime del dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata. Quest’ultima sentenza risarcitoria, oggi passata in giudicato, risale al mese di aprile e sancisce la vittoria definitiva della vedova di Caratelli che, nella ricostruzione dei fatti, aveva prestato servizio in assenza di “strumenti di prevenzione tecnica e di protezione individuale, conducendo svariati mezzi ruotati e cingolati in dotazione al Reparto e manipolando altresì materiali contenti il pericoloso patogeno, anche nel corso di interventi di manutenzione e riparazione di parti meccaniche. Si legge ancora nella sentenza che Caratelli: molto probabilmente, aveva in dotazione il sistema d’arma costituito dalla mitragliatrice bivalente MG42/59 NATO. In relazione a detto sistema, i guanti e le pezze di amianto costituivano la dotazione indispensabile per manipolare le parti roventi delle armi stesse.  Come se non bastasse non solo la caserma, ma anche gli altri edifici, le officine meccaniche ed il parco mezzi, erano realizzati con materiali e laterizi in amianto e/o contenenti amianto. Cosa che espose l’uomo, sia direttamente sia indirettamente, al killer invisibile. “Questa vittoria ha un sapore dolce-amaro. In ogni caso, la storia di questo militare è un grido di allarme, che ci costringe a non dimenticare, a combattere per la giustizia e a proteggere coloro che, come lui, hanno inalato la fibra killer” – è il commento dell’avv. Ezio Bonanni, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto e legale dei familiari della vittima.

L’ONA ha attivato la tutela delle vittime del dovere, con il numero verde gratuito a loro dedicato 800.034.294 o attraverso il sito internet https://www.osservatorioamianto.it/vittime-del-dovere

LINK PER SCARICARE LA SENTENZAhttps://we.tl/t-rMTPOPKZND

Responsabile Ufficio Stampa ONA – Osservatorio Nazionale Amianto

Donatella Gimigliano

Giornalista – Relazioni Pubbliche & Comunicazione

Cellulare: +39 3287310171 – Email: d.gimigliano@bixpromotion.it

Articoli Recenti

Campi Flegrei, Musumeci: “Chi ha scelto di viverci conosceva i rischi”.

"Chi ha scelto di vivere nell'area dei Campi Flegrei sapeva di vivere in un'area difficile che presenta rischi. Ci ricordiamo della vulnerabilità dell'area solo...

Redditometro, Meloni: “Sospendiamo il decreto”.

Stop o meglio 'pause' per il cosiddetto redditometro. Ad annunciarlo la premier Giorgia Meloni in un video postato sui social. "Nessun Grande Fratello Fiscale...

Atalanta-Bayer Leverkusen 3-0: le Asprine sperimentano gli effetti collaterali dell’essere invincibili

Non bisogna mai esagerare nell'assumere Aspirine. Il farmaco prodotto dalla Bayer può causare effetti indesiderati quali bruciore di stomaco e capogiri. E' proprio quel...

SIMG – Sanità territoriale in Lombardia al bivio: mancano i medici di famiglia, rimasti scoperti fino al 90% dei posti disponibili. Dal 2030 cambierà...

“Per rendere efficienti ed efficaci le azioni della Medicina Generale, servono interventi sulla Sanità Territoriale come l’acquisizione e l’aggiornamento di competenze sia professionali che...

PARTONO LE SELEZIONI PER DIVENTARE CITTADINO COMPETENTE.

La prima data è stata fissata per ieri, 21 maggio 2024. L’Asl Salerno presenta il progetto “Cittadino Competente” alla cittadinanza dei 28 comuni cilentani, in...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.