12.7 C
Rome
domenica, Aprile 21, 2024
HomeECONOMIAIn 30 anni chiuse la metà delle banche, il digitale stenta. L’analisi.

In 30 anni chiuse la metà delle banche, il digitale stenta. L’analisi.

Date:

domenica, Aprile 21, 2024

Negli ultimi tre decenni si «sono ritirate dai territori» la metà delle banche italiane, ma la «digitalizzazione stenta». Lo afferma uno studio realizzato dalla Fondazione Fiba e presentato a Roma nel corso del Consiglio Generale di First Cisl. Lo studio ricorda come «sono 434 gli istituti di credito in Italia, nel 1993 erano più di mille. Pesantissimo il calo di Popolari e credito cooperativo».

«Restiamo davanti alla Francia (394), ma dietro a Polonia (573) ed Austria (443). Lontanissima la Germania, che può ancora contare su 1.381 banche. Senza le 184 Bcc affiliate alle due capogruppo del credito cooperativo saremmo sotto all’Irlanda nella graduatoria dei Ventisette. Il numero degli sportelli ha toccato il suo massimo nel 2008 (34.139) per poi iniziare una rapidissima discesa che non si è ancora arrestata (20.909 a fine 2022). Nella prima parte del 2023 ne sono stati chiusi altri 593».

Ma la ritirata dai territori non è stata accompagnata da un’analoga crescita del digitale.

«Siamo indietro rispetto alla media Ue per utilizzo dell’internet banking, specie tra gli anziani» sottolinea o studio. Trentino-Alto Adige è la regione più digitale, Calabria a fondo classifica. Per il segretario First Cisl Riccardo Colombani il legame delle banche con il territorio «va invece rafforzato attraverso incentivi reputazionali ed economici. Al contrario, dobbiamo scongiurare i propositi di un’ulteriore concentrazione del sistema bancario, perché aggraverebbe i danni di un disagio sociale sin troppo evidente».

RIPARTELITALIA.IT

Articoli Recenti

Portiere senza un braccio si tuffa e salva la squadra a 3 minuti dalla fine.

Una parata determinante, a 3 minuti al 90', un volo sul sette a respingere una punizione che stava per finire in rete. Un'impresa. Fatta...

Ucraina-Russia, Mosca “pronta a colloqui ma non con Zelensky”.

I segnali che la Russia è pronta a negoziare sull'Ucraina per porre fine alla guerra "non sono solo una finzione", ma i colloqui con...

Nessuna pace il 25 aprile, a Roma e Milano alta tensione.

Sarà un 25 aprile che non ha mai visto piazze così contrapposte, divise dal solco sempre più profondo tracciato dalla guerra in Medioriente. E...

Israele-Iran, Blinken: “Usa non coinvolti in attacco. Italia importante per de-escalation”.

"Gli Stati Uniti non sono stati coinvolti in nessuna operazione" di Israele contro l'Iran. Lo ha detto Antony Blinken, rispondendo a una domanda durante...

Estate, Europei e Olimpiadi: non esiste tempo libero

"Voglio del tempo libero, si ma libero proprio ogni attimo" cantava Ligabue. Eppure per un appassionato di sport come lui (pronto a festeggiare la...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.