Asl Roma G. Rocchi (Rsu): “Situazione insostenibile. Assemblea sotto Direzione Generale”

0
299

ospedaleIQ. 29/09/2013 – La rappresentanza sindacale unitaria (Cgil, Cisl, Uil, Fsi, Nursing Up, Ugl Sanità, Usb) ha indetto per il giorno 1 Ottobre 2013, alle ore 11.30, un’assemblea/presidio presso la Direzione Generale dell’Asl Roma G in via Acquaregna, a Tivoli, per le problematiche interne che ormai da tempo creano malumore e malcontento tra i lavoratori dell’Asl, già duramente penalizzati dalle precarie condizioni lavorative.

Lo dichiara il coordinatore della RSU dell’Asl Roma G Igino Rocchi, eletto nel sindacato Uil Fpl.

Ormai siamo al collasso e le situazioni critiche sono molte – prosegue Rocchi.

Chiediamo l’immediata sospensione della decurtazione della mezz’ora di pausa, la cui applicazione decisa senza alcuna concertazione, può creare, a nostro avviso, seri problemi nei casi di assistenza diretta e continua. Inoltre evidenziamo criticità e difformità relativi ai carichi di lavoro; registriamo turni di lavoro massacranti anche a causa della scarsità di personale in molti reparti come Ortopedia,Chirurgia, Medicina ecc.

Chiediamo l’obbligo di comunicare gli atti che riguardano tutti i lavoratori (dalle ferie maturate sino ai buoni pasto) ad oggi poco chiari e anch essi non concertati, creando apprensione tra i lavoratori.

Inoltre non vi è alcun riscontro sulla quantificazione dei Fondi contrattuali, in particolare quella di cui l’art.31 del CCNL 2002-2005 riguardanti le fasce (i livelli dei lavoratori).

A tutto questo dobbiamo aggiungere la mancata convocazione di un tavolo Tecnico negoziale sul tema della formazione e aggiornamento professionale che tutti i dipendenti hanno l’obbligo di fare (corsi Ecm – educazione continua in medicina) e via discorrendo con altre questioni importanti.

Alla luce di quanto sopra – continua Igino Rocchi – stanchi dell’immobilismo di codestà amministrazione che ha portato ad un continuo decadimento dei servizi di assistenza e delle prestazioni ai cittadini, abbiamo deciso di agire in maniera unitaria, attraverso questa assemblea/presidio.

Inoltre – fa notare Rocchi, tra l’altro coordinatore Regionale Area Sanitaria Riabilitativa della Uil Fpl – nel presidio Ospedaliero di Tivoli, Dea di Primo Livello, non vengono più erogate alla cittadinanza le Ecografie e le Tac,ad eccezione dei pazienti oncologici. Ma non è finita qui – conclude Rocchi -; per una colonscopia si devono attendere circa 180 giorni, oltre un anno per Ecocardiogrammi ed Ecocolordoppler distrettuali e ci risulta che per alcuni interventi chirurgici si attendono circa 2 anni, come avviene per l’ernia inguinale. Ma quello che ci fa maggiormente rabbia è la mancanza di macchinari di Risonanza Magnetica che di fatto costringono un bacino di utenza, distribuito su un territorio di ben 70 comuni, a rivolgersi fuori dall’Asl Roma G.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.