27.7 C
Rome
domenica, Aprile 14, 2024
HomeATTUALITÀ E EDITORIALETregua a Gaza, "Hamas ha accettato accordo" con Israele.

Tregua a Gaza, “Hamas ha accettato accordo” con Israele.

Date:

domenica, Aprile 14, 2024

Hamas ha accettato l’accordo per il cessate il fuoco a Gaza. Lo afferma l’emittente Al Arabiya, sottolineando che l’organizzazione ha detto sì ad una versione ‘modificata’ della proposta avanzata dagli Stati Uniti, mediatori nelle trattativa con Israele. La delegazione di Hamas dovrebbe volare nei prossimi giorni al Cairo per discutere gli ultimi dettagli e l’implementazione dell’intesa. “La proposta internazionale comprenderà la liberazione di detenuti compresi bambini, donne e anziani”, le parole di una fonte di Hamas alla tv. L’intesa dovrebbe consentire anche il graduale ritorno dei palestinesi costretti ad abbandonare le proprie case nella Striscia di Gaza.

Le notizie di Al Arabiya arrivano dopo l’apertura prospettata dal capo della Cia, Williams Burns: C’è ”ancora una possibilità di un accordo” per il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza e per il rilascio degli ostaggi, anche se restano da risolvere questioni molto complicate, le sue parole in un’audizione alla Camera dei Rappresentanti. “Penso che ci sia ancora la possibilità di un accordo”, ha detto sottolineando i ”tentativi da parte nostra, lavorando a stretto contatto con le nostre controparti israeliane, qatariote ed egiziane”. Si tratta di ”un processo molto difficile. Non penso che ci sia qualcuno che possa garantirne il successo”, ha aggiunto.

Israele annuncia restrizioni per l’accesso alla moschea di Al-Aqsa

Le autorità israeliane hanno annunciato una serie di restrizioni per i palestinesi della Cisgiordania che vorranno entrare a Gerusalemme e nella Spianata delle Moschee durante il mese di Ramadan. Il Coordinatore delle attività governative nei territori (Cogat), l’autorità militare israeliana responsabile dei Territori palestinesi, ha indicato in un comunicato che il venerdì potranno entrare nella moschea di Al-Aqsa gli uomini sopra i 55 anni, le donne sopra i 50 e i bambini fino a dieci anni.

I palestinesi dovranno avere un permesso Cogat valido, che sarà soggetto a revisione da parte delle forze di sicurezza. Inoltre, le autorità si riservano la possibilità di introdurre modifiche nel corso del mese, come riportato dal quotidiano The Times of Israel.

Le autorità non hanno precisato se i palestinesi della Cisgiordania potranno visitare Gerusalemme dalla domenica al giovedì durante il Ramadan, mentre è stato confermato che gli abitanti di Gaza non potranno accedere all’area a causa della guerra nella Striscia.

Israele “gioca con il fuoco” e sta spingendo la situazione verso “un’esplosione”, il commento del ministro degli Esteri giordano, Ayman Safadi, commentando le restrizioni.

Citato dai media giordani, Safadi ha detto che la Giordania, che è custode dei luoghi santi musulmani di Gerusalemme, respinge il provvedimento stabilito da Israele come misura di sicurezza per la guerra a Gaza. “Avvertiamo che profanare la santità della moschea di Al-Aqsa è giocare con il fuoco”, ha detto Safadi in una conferenza stampa congiunta con l’arcivescovo Paul Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati e le Organizzazioni Internazionali della Santa Sede.

Salpata da Cipro prima nave ong con aiuti per Gaza

E’ intanto salpata da Larnaca, Cipro, dopo un rinvio di un paio di giorni dovuto a ‘ragioni tecniche’, la nave di Open Arms diretta a Gaza con un carico di 200 tonnellate di aiuti umanitari. Lo ha reso noto la ong World Central Kitchen, che ha raccolto gli aiuti destinati alla popolazione palestinese. Il viaggio della nave della organizzazione non governativa spagnola viene usato come ‘progetto pilota’ in vista dell’apertura di un corridoio marittimo umanitario annunciato nei giorni scorsi a Cipro dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Sul suo account X, Open Arms ha pubblicato un video che mostra la nave mentre salpa dal porto cipriota di Larnaca. Il viaggio dovrebbe durare due giorni-due giorni in mezzo, in base alle condizioni della navigazione. Per ragioni di sicurezza non è stato riferito dove la nave attraccherà (a Gaza c’è solo un piccolo porto di pescatori che non è adatto ai cargo), mentre non è chiaro come avverrà la distribuzione degli aiuti, anche per evitare assalti e incidenti come quelli dei giorni scorsi.

Von der Leyen: “Serve pausa umanitaria subito”

“Naturalmente Israele ha il diritto di difendersi e di combattere Hamas. Ma la protezione dei civili deve essere garantita in ogni momento, in linea con il diritto internazionale. E al momento c’è solo un modo per ripristinare un flusso adeguato di aiuti umanitari: la popolazione di Gaza ha bisogno di una pausa umanitaria immediata che porti a un cessate il fuoco sostenibile. E ne ha bisogno adesso”, ha detto quindi oggi la presidente della Commissione Europea durante la plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo.

“Diversi Paesi, tra cui alcuni dei nostri Stati membri, hanno iniziato a paracadutare aiuti umanitari dalla Giordania a Gaza. E oggi posso annunciare che abbiamo attivato il meccanismo di protezione civile dell’Ue per rafforzare il nostro sostegno”, spiega, aggiungendo: “Incoraggio tutti gli Stati membri a contribuire con le loro risorse, per consentire una fornitura stabile e significativa di aiuti a Gaza”, sottolinea.

Gli Stati Uniti “lavoreranno per allestire un porto galleggiante per scaricare le navi” dirette da Larnaca, sulla costa est di Cipro, a Gaza. “Fino a quando non sarà pronto, lavoreremo con navi più piccole”, sottolinea poi von der Leyen. “La situazione sul campo – aggiunge – è più drammatica che mai e ha raggiunto un punto critico. Abbiamo tutti visto i resoconti che parlano di bambini che muoiono di fame. Non può essere. E dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere per fermarlo. Tutti sanno quanto sia difficile spostare gli aiuti dentro e dentro Gaza. Tutti i percorsi devono essere utilizzati per raggiungere le persone bisognose. È qui che entra in gioco il corridoio marittimo. Può contribuire ad aumentare la quantità di aiuti che raggiungono effettivamente le persone nel nord di Gaza”, spiega.

Raffica di razzi dal Libano contro Israele

Raffica di razzi di Hezbollah contro il nord di Israele. Secondo quanto riferito dalle Forze di difesa israeliane (Idf), i militanti libanesi hanno lanciato 70 razzi contro le Alture del Golan, in uno degli attacchi più pesanti dal 7 ottobre. Non si hanno per ora notizie di vittime. Poco dopo una nuova pioggia di razzi sullo Stato Ebraico. Secondo quanto riferito da media israeliani, infatti, dopo il primo lancio questa mattina ne sono stati sparati altri 30, per un totale di un centinaio. Gli attacchi sono avvenuti mentre le Idf confermavano di aver condotto raid in Libano contro strutture dei militanti filoiraniani.

Hezbollah ha quindi rivendicato il lancio di un centinaio di razzi Katyusha contro il territorio israeliano riferisce il Times of Israel, precisando che il movimento sciita libanese ha dichiarato in una nota di aver preso di mira due basi dell’esercito israeliano sulle Alture del Golan. Secondo Hezbollah, l’attaccio massiccio è una risposta ai recenti raid israeliani sul Libano, incluso quello della scorsa notte su Baalbek in cui è morto un civile.

Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha ricevuto intanto una delegazione di Hamas guidata dal membro dell’ufficio politico del movimento palestinese, Khalil al-Hayya. Lo riferisce l’emittente libanese Lbci, precisando che durante il colloquio sono stati analizzati gli ultimi sviluppi a Gaza e in Cisgiordania. Le discussioni hanno inoltre riguardato i negoziati in corso per fermare l’operazione israeliana nell’enclave.

007 Usa: “Leadership Netanyahu a rischio”

La sopravvivenza come primo ministro Netanyahu è “a rischio” a causa della guerra a Gaza. E’ quanto si evidenzia intanto in un rapporto pubblicato dall’Ufficio del Direttore della National Intelligence americana. “La mancanza di fiducia da parte dell’opinione pubblica nella capacità di governare di Netanyahu si è approfondita e ampliata ancora di più rispetto a prima della guerra. Stiamo assistendo a grandi proteste per chiedere le sue dimissioni e lo svolgimento di nuove elezioni. Un governo diverso e più moderato è uno scenario possibile”, si legge nel rapporto.

Secondo il documento, rilanciato stamane dai media dello Stato ebraico, Israele deve aspettarsi di affrontare una crescente pressione internazionale a causa della situazione umanitaria a Gaza. Si afferma inoltre che Israele e Iran stanno tentando di adattare le loro azioni l’uno all’altro in modo da evitare un escalation del conflitto in piena regola tra i due Paesi.

“Riteniamo che la leadership iraniana non sia stata coinvolta nella pianificazione dell’attacco del 7 ottobre e che non avesse informazioni preliminari sull’attacco”, aggiunge il rapporto, secondo cui Israele dovrà affrontare la resistenza armata di Hamas per molti anni, mentre le Idf continueranno a tentare di distruggere i tunnel del movimento.

Fonte: ADNKRONOS.COM

Articoli Recenti

Ciclismo o windsurf, a bordo di Luna Rossa campioni altri sport.

Non solo vela, Luna Rossa è multisport. Nella nuova barca Ac75 varata oggi a Cagliari c'è di tutto. E ad alto livello: canottaggio, ciclismo...

Il drone-defibrillatore salva dall’infarto, nuovo successo per il progetto Sis118.

Un arresto cardiaco improvviso, una persona in codice rosso e la partenza dei soccorsi via terra e via cielo con il drone 'Prometheus' dotato di...

Tennis, cadono i grandi nel Principato: Sinner perde contro l’arbitro.

Torniamo a qualche stagione fa, torniamo alla stagione su terra rossa del 2022 e vedremo Casper Ruud in finale al Roland Garros e Stefanos...

Romantica, nel cuore di Roma l’innovazione si cuce con ago, filo e Chatgpt.

Due giorni nel cuore di Roma per immergersi in aghi, fili, bozzetti, essenze profumate. Una sartoria allestita nel salotto della città all’interno del Tempio...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.