Superbonus 110, già in vigore il decreto legge antifrode con controlli preventivi.

Sono inclusi nel decreto le novità per il visto di conformità e i controlli dell'Agenzia delle Entrate per porre fine agli abusi.

0
374

È stato approvato in questi giorni dal Consiglio dei ministri il decreto legge 11 novembre 2021, n.157 definito antifrode e relativo ai controlli preventivi sul Superbonus 110 per porre fine agli abusi non solo del bonus 110, ma degli altri bonus fiscali, soprattutto nel campo della cessione del credito e dello sconto in fattura. Il decreto introduce misure urgenti di contrasto agli abusi e tra queste il visto di conformità per tutti i bonus edilizi o la possibilità di sospendere la comunicazione all’Agenzia delle Entrate della cessione del credito.

L’allarme lanciato da Ance e Agenzia delle Entrate, che ha quantificato in circa 800 milioni i crediti inesistenti, ha spinto il governo ad approvare il decreto legge “Misure urgenti per il contrasto alle frodi nel settore delle agevolazioni fiscali ed economiche” il cui obiettivo è quello di evitare le frodi relative alle detrazioni e cessioni di crediti per lavori edilizi ed estende l’obbligo del visto di conformità, previsto ora per la cessione del credito o lo sconto in fattura, anche nel caso in cui il cosiddetto “Superbonus al 110%” venga utilizzato dal beneficiario in detrazione nella propria dichiarazione dei redditi, tranne nei casi in cui la dichiarazione stessa sia presentata direttamente dal contribuente o tramite il sostituto d’imposta. L’obbligo per il visto di conformità è, inoltre, esteso anche in caso di cessione del credito o sconto in fattura relativi alle detrazioni fiscali per lavori edilizi diversi da quelli che danno diritto al “Superbonus al 110%”.

L’Agenzia delle Entrate, inoltre, può sospendere fino a 30 giorni l’efficacia delle comunicazioni su cessioni del credito o su sconti in fattura inviate alla stessa Agenzia che presentano particolari profili di rischio, ai fini del relativo controllo preventivo. Viene, pertanto, disciplinata, razionalizzata e potenziata l’attività di accertamento e di recupero da parte dell’Agenzia delle Entrate, relativamente alle detrazioni e cessioni dei crediti per lavori edilizi ed ai contributi a fondo perduto previsti dall’articolo 25 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (cosiddetto “Decreto rilancio”).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.