12.7 C
Rome
domenica, Aprile 21, 2024
HomeCronacaPreside picchiato per aver sospeso uno studente.

Preside picchiato per aver sospeso uno studente.

Date:

domenica, Aprile 21, 2024

Massacrato di botte per avere sospeso uno studente. Ancora un episodio di violenza ai danni di un docente, anzi questa volta di un preside, massacrato di botte dal patrigno di un ragazzo che aveva sospeso per avere usato un linguaggio volgare. E’ accaduto il 15 marzo in una scuola paritaria nella periferia nord della capitale, l’Istituto San Gabriele.

L’aggressione si è consumata a scuola in una vera e propria escalation di violenza. L’uomo, che è il compagno della madre del ragazzo, si è presentato in istituto dopo che il giovane, uno studente, aveva ricevuto il provvedimento di sospensione.

Cercava il dirigente scolastico, Raimondo Pietroletti, che in quel momento era impegnato in una riunione. Prima la violenza verbale poi l’uomo ha fatto una vera e propria irruzione nell’ufficio chiedendo che il provvedimento venisse annullato.

Il dirigente lo ha invitato a calmarsi ma inutilmente. Dalle minacce e dagli insulti si è passati alla violenza fisica. Un’aggressione in piena regola che ha mandato il dirigente in ospedale. Un pestaggio che, stando a testimoni, sarebbe avvenuto davanti al figlio piccolo dell’aggressore. “Piangevano il dirigente e il bambino”, hanno detto alcuni genitori di altri alunni. Ad intervenire alcune insegnanti della scuola che hanno dato l’allerta e chiamato i soccorsi e le forze dell’ordine.

La scuola, un istituto cattolico fondato nel 1929 e abbastanza noto nell’area nord di Roma, ha inviato una nota a tutte le famiglie per informarle sul caso e descrivendo l’uomo come “visibilmente alterato”. Molti messaggi di solidarietà al preside descritto da molti alunni come “disponibile e comprensivo”. Vicinanza al dirigente è stata espressa dal ministro Valditara.

“La ferma condanna dell’accaduto e l’augurio, con tutto il cuore, di pronta guarigione al dirigente non bastano -dice Valditara- perché chi aggredisce un lavoratore della scuola aggredisce l’Istituzione stessa. È mio dovere, come Ministro, portare avanti, con determinazione, come sto facendo quotidianamente, ogni misura utile a ripristinare la cultura della legalità e del rispetto a tutela di tutta la comunità scolastica”. Solidarietà anche dal coordinatore di Forza Italia Roma Nord, Stefano Peschiaroli: “Spero che gli inquirenti facciano luce sulla dinamica dei fatti. Aggredire un preside o un’insegnante per aver messo una nota ad un alunno è un fatto grave che va condannato. Episodi di violenza che purtroppo stanno accadendo troppo spesso e hanno anche conseguenze negative nell’educazione delle giovani generazioni”.

Fonte: ANSA.IT

Articoli Recenti

Portiere senza un braccio si tuffa e salva la squadra a 3 minuti dalla fine.

Una parata determinante, a 3 minuti al 90', un volo sul sette a respingere una punizione che stava per finire in rete. Un'impresa. Fatta...

Ucraina-Russia, Mosca “pronta a colloqui ma non con Zelensky”.

I segnali che la Russia è pronta a negoziare sull'Ucraina per porre fine alla guerra "non sono solo una finzione", ma i colloqui con...

Nessuna pace il 25 aprile, a Roma e Milano alta tensione.

Sarà un 25 aprile che non ha mai visto piazze così contrapposte, divise dal solco sempre più profondo tracciato dalla guerra in Medioriente. E...

Israele-Iran, Blinken: “Usa non coinvolti in attacco. Italia importante per de-escalation”.

"Gli Stati Uniti non sono stati coinvolti in nessuna operazione" di Israele contro l'Iran. Lo ha detto Antony Blinken, rispondendo a una domanda durante...

Estate, Europei e Olimpiadi: non esiste tempo libero

"Voglio del tempo libero, si ma libero proprio ogni attimo" cantava Ligabue. Eppure per un appassionato di sport come lui (pronto a festeggiare la...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.