Palazzo Chigi tratta per evitare lo Sciopero generale

0
103

Cgil e Uil dopo aver incontrato Daniele Franco e poi il Presidente del Consiglio Mario Draghi la scorsa settimana ufficializzano il loro giudizio negativo sulla manovra e proclamano per il 16 dicembre uno sciopero generale di otto ore accompagnato da una manifestazione nazionale che si terrà a Roma. Luigi Sbarra invece, segretario nazionale della Cisl, ha detto di non vedere motivi per la mobilitazione. L’iniziativa unitaria Cgil e Uil ripete quella contro il Job Act di Matteo Renzi di sette anni fa. I segretari di Cgil e Uil, Maurizio Landini e Bruno Bombardieri ritengono che gli 8 miliardi di taglio delle tasse non sia distribuito equamente. Palazzo Chigi intanto prova a trattare per evitare lo sciopero e fa osservare che la legge di bilancio “è espansiva e sostiene con i fatti lavoratori, pensionati e famiglia”. Se il governo considera la manovra in grado di portare l’ Italia fuori da un’ emergenza drammatica fronteggiando disagio e potenziale impoverimento , Cgil e Uil ritengono “ insoddisfacenti” le scelte del governo in particolare in tema di fisco, politiche industriali, scuola e pensioni. Il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha fatto sapere dai microfoni di Radio 1 che : “ la manovra può avere luci ed ombre ma sicuramente rafforza le garanzie per i lavoratori, aumenta le risorse sul fronte del sociale, e anche con la scelta di investire gran parte del tesoretto fiscale Irpef. Sicuramente non è una riforma che penalizza lavoratori e pensionati. Ritengo legittima la scelta del sindaco, rispettabile, ma non la definirei affatto scontata o dovuta”. Non mancano le reazioni dei partiti. Il Senato è pronto a presentare nuovi emendamenti. Forza Italia chiede l’abolizione dell’ Irap per le persone fisiche e le società di persone che costerebbe circa tre miliardi di euro oltre ad un’ aliquota Irpef del 15% per i redditi tra i 12000 e i 15000 euro. Il Movimento 5 Stelle rilancia una “ easy tax” con scivolo in uscita di autonomi e partite Iva dalla flat tax, oltre che rimborsi automatici su conto corrente delle detrazioni di alcune spese come quelle sanitarie. Non mancano inoltre i primi scontri. Se la Lega ad esempio propone l’estensione della flat tax agli autonomi, la sottosegretaria Maria Cecilia Guerra ritiene non concepibile portare l’estensione della soglia di fatturato a 100.000 euro perché “ aumenterebbe ancora in modo molto significativo la distanza di tassazione a parità di reddito” e annuncia: “ Ci sarà un confronto molto aspro nella maggioranza”. Stefano Fassina di LeU propone “ uno scostamento di bilancio ad hoc da fare al più presto” per affrontare il caro-bollette. SI discute inoltre dell’ Iva sulle associazioni che non esercitano attività commerciali. Sembra che il governo sia pronto a “ correggere” il problema attraverso uno specifico decreto fiscale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.