Inviato a Prefetto Stato di Agitazione e Sciopero OSS San Giovanni Addolorata

0
47

Comunicato Uil Fpl Roma e Lazio 

Inviato a Prefetto Stato di Agitazione e Sciopero OSS San Giovanni Addolorata

Roma, 28 Dicembre 2016

In data odierna i lavoratori OSS esternalizzati del San Giovanni Addolorata hanno manifestato sotto la Regione Lazio per dire no al taglio del 40% sugli stipendi a seguito del cambio appalto nel quale è subentrata una cooperativa di Taranto.

Lo dichiarano in una nota il Segretario Regionale della Uil Fpl Roma Lazio Roberto Puma ed il Responsabile Dipartimento III Settore della Uil Fpl Roma e Lazio Pietro Bardoscia.

Siamo stati convocati dalla Cabina di Regia della Sanità della Regione Lazio la quale ci ha riferito di aver sollecitato la Direttrice Generale del San Giovanni Coiro a trovare una soluzione a questa vicenda che vede una decurtazione dello stipendio di oltre 400 euro, ricordando che l’alternativa era il licenziamento di circa 30 lavoratori.

La Uil Fpl Roma e Lazio sollecita con forza un intervento volto a ridare dignità ai 105 lavoratori OSS impiegati in questa azienda ospedaliera da oltre 14 anni. Alla luce di questo – concludono Puma e Bardoscia –  abbiamo scritto al Prefetto dichiarando lo Stato di Agitazione e la richiesta della procedura di raffredamento dichiarando sin d’ora che in caso di mancata risoluzione della vertenza procederemo a dichiarare lo sciopero di tutti i lavoratori OSS intorno alla metà di Gennaio 2017.

Bardoscia Pietro - Responsabile Dipartimento III Settore Uil Fpl Roma e Lazio
Bardoscia Pietro – Responsabile Dipartimento III Settore Uil Fpl Roma e Lazio
Il Seg.Regionale Uil Fpl Roma e Lazio Roberto Puma
Il Seg.Regionale Uil Fpl Roma e Lazio Roberto Puma
Presidio dei Lavoratori OSS San Giovanni Addolorata, indetto dalla Uil Fpl sotto la Regione Lazio
Presidio dei Lavoratori OSS San Giovanni Addolorata, indetto dalla Uil Fpl sotto la Regione Lazio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.