Green Pass, dal 15 ottobre obbligatorietà sul lavoro. Reazione e gestione delle Regioni.

Le proposte di Valter Caiumi, presidente di Confindustria Emilia, su come gestire la nuova richiesta di Green Pass sui luoghi di lavoro.

0
180

Si avvicina il 15 ottobre, la data in cui scatterà l’obbligatorietà del Green Pass sul lavoro e le Regioni, che temono il caos, chiedono un prolungamento della validità del risultato del tampone, da 48 a 72 ore, e la possibilità per le imprese di organizzarsi in autonomia. Ieri Valter Caiumi, il presidente di Confindustria Emilia, ha inoltre proposto il “modello tedesco” che prevede tamponi a carico dei lavoratori ma con validità più estesa, fino a 72 ore, e da fare direttamente con l’ausilio di colleghi “certificatori”, formati appositamente per validare i self-test. Caiumi, che si dichiara contrario all’obbligo vaccinale ma anche al fatto che le aziende debbano farsi carico dei costi dei tamponi per i lavoratori non immunizzati, ha proposto questa terza via per affrontare i prossimi mesi fino alla fine dell’anno, coniugando la sicurezza dei luoghi di lavoro con il rispetto delle scelte dei singoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.