28.4 C
Rome
lunedì, Luglio 15, 2024
HomeISTITUZIONI E POLITICAForza Italia, Tajani: "Puntiamo al 20%".

Forza Italia, Tajani: “Puntiamo al 20%”.

Date:

lunedì, Luglio 15, 2024

”Sono convinto che tra uno, due anni, arriveremo al 20 per cento, soltanto perché abbiamo delle buone idee…”. Antonio Tajani chiude la ‘tre giorni’ di Forza Italia a Paestum, iniziata con il B day in memoria di Silvio Berlusconi, tra il ricordo dei tempi d’oro e fuochi di artificio. L’eredità lasciata dal fondatore di Forza Italia è pesante, incombono le elezioni europee 2024 con dietro l’angolo il rischio di flop, e il segretario prova ad alzare l’asticella, indicando un obiettivo a doppia cifra, che appare molto ambizioso.

Il ‘nuovo corso di Antonio’, come lo chiamano i suoi fedelissimi, inizia ufficialmente oggi con il via libera del Consiglio nazionale al pugno di ferro contro i ‘morosi’ (chi non paga la quota di 900 euro al mese decade dagli incarichi di partito), la blindatura del simbolo con dentro il nome Berlusconi e l’allargamento della segreteria a 4, compreso il vicario (il più votato), ‘maggiori poteri’ ai congressi provinciali chiamati per la prima volta a eleggere anche i delegati nazionali e il Ponte di Messina intitolato a Silvio, opera simbolo per il rilancio del Sud.

Forza Italia, si apre la fase congressuale

Tajani di fatto apre la fase congressuale, che per ora lo vede unico candidato, assicura di voler ”costruire sul marmo” il suo ”progetto politico”, fatto “non di slogan”, ma di ”proposte concrete” e se la prende più volte con la stampa: nel mirino quei restroscena che dipingono un ”partito in dissoluzione”, in ambasce per il suo futuro: ”Certi giornali dovrebbero occuparsi più della loro dissoluzione nelle edicole, perché ci sono qui più militanti di quante copie si vendono… Siamo molto più vivi di quanto dicono…”.

Il ministro degli Esteri e vicepremier fa sentire la sua voce in platea, serra i ranghi, cerca di rassicurare chi si sente orfano di Berlusconi, invita a stare uniti, lanciando così un messaggio alle correnti interne in vista delle europee, perché sa benissimo che quella siglata all’hotel Ariston, sede della kermesse forzista, non è una vera e propria pace, ma una tregua (per tanti armata). E proprio il voto di Bruxelles sarà lo spartiacque che tanti temono e che il numero uno azzurro vuole trasformare in un nuovo inizio. ”Io sono ottimista, sono convinto che più passa il tempo, più cresceremo e più si renderanno conto che qui c’è gente seria che non parla a vanvera”, assicura. Prima di lui sul palco è salita Licia Ronzulli che fino ad ora ha tenuto un low profile.

La capogruppo al Senato (considerata la capofila dell’area in competizione con quella, prevalente, dei tajaniani, che fanno asse con i fedelissimi di Marta Fascina), mostra una pesca per ironizzare sullo spot della Esselunga di una ”sinistra senza idee”, lancia un ramoscello d’ulivo al segretario (”Mi fido di Antonio, guarda al nostro futuro”) e propone di allungare di un mese il tesseramento per consentire ancora l’iscrizione a chi vuole, “senza che questa scelta abbia effetti sui tempi che ci siamo dati per la realizzazione del Congresso nazionale”. Una proroga che suona come un invito a fare un Congresso vero, aperto a tutte le diverse sensibilità, venendo incontro alle richieste di Tajani. Una mossa, inoltre, per tenere aperta la vera partita, quella sui congressi provinciali, dove si farà la conta per l’elezione dei delegati che voteranno alle assise nazionali.

La proposta arriva dopo l’annuncio del responsabile nazionale delle tessere, Tullio Ferrante, il deputato più vicino alla compagna del Cav: ”Siamo un partito vivo e vitale, gli iscritti sono triplicati. Siamo passati dai 6mila del 2022 ai quasi 18mila del 2023…”.

Il discorso di Tajani dura quasi un’ora, tutto a braccio. La chiusa è una rivendicazione dell’orgoglio azzurro nel nome di Berlusconi: ”Non siamo preoccupati del nostro destino, ma di quello di 60 milioni di italiani. Vogliamo costruire il loro destino con una guida politica seria e un’azione di governo determinata che risolva i loro problemi: è quello che aveva fatto il nostro leader Berlusconi. Noi possiamo vincere le elezioni, l’Italia ha fiducia in noi, non possiamo deluderla…”. Sul palco lo raggiunge lo stato maggiore per la ‘foto’ finale sulle note di Azzurra Libertà.

Vittorio Amato

ADNKRONOS.COM

Articoli Recenti

Martina Franca, Norma apre il 50° Festival della Valle d’Itria. Ecco tutti gli appuntamenti.

Si inaugura mercoledì 17 luglio a Palazzo Ducale di Martina Franca (ore 21) con la Norma di Vincenzo Bellini la 50ª edizione del Festival della Valle d’Itria, edizione speciale che festeggia mezzo secolo...

Kate torna in pubblico, sorrisi e ovazione a Wimbledon.

Un'accoglienza calorosa, prevedibile ma non per questo meno gradita dall'interessata, ha salutato l'ingresso della principessa Kate Middleton nel Royal Box del Centrale di Wimbledon:...

Sanremo verso lo slittamento, c’è la Coppa Italia.

Più che la musica poté il pallone e così, anche se la faccenda non è ancora ufficiale, il Festival di Sanremo rischia di slittare...

Italiani nel mondo del passato: Eddie Lang e la sua chitarra jazz che ha incantato il mondo.

Oggi la rubrica Italiani nel mondo vi porterà alla scoperta di una figura straordinaria e al contempo poco nota ai più che ha fatto la storia della...

QUERCETINA E ACIDO QUINOVICO, QUESTI SCONOSCIUTI.

ACIDO QUINOVICO L’acido quinovico è una molecola contenuta nella quinoa e in alcune piante officinali, come l’Uncaria tormentosa (meglio nota come “unghia di gatto”). La quinoa è un cereale...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.