Colpo di stato in Sudan

0
194
Abdallah Hamdok

Militari non identificati hanno circondato la dimora del primo ministro del Sudan dichiarandolo agli arresti. La tv Al Hadath ha detto che dopo aver rifiutato di sostenere il golpe, le forze armate hanno arrestato il primo ministro Abdallah Hamdok e lo hanno portato in un luogo non identificato”. Sembra che siano stati arrestati anche i ministri dell’ Industria e dell’ Informazione e uno stretto collaboratore del Primo Ministro. L’inviato a Khartum di Al Jazeera scrive: ” L’accesso alle telecomunicazioni è stato limitato quindi è molto difficile ottenere informazione su cosa stia succedendo”. Lo staff del Premier intanto ha invitato la popolazione a protestare pacificamente scendendo in piazza.Ieri gruppi filodemocratici avevano avvisato di un possibile colpo di stato . Secondo alcune voci l ‘autore del golpe è il generale Burham. La nazione africana sta attraversando un momento delicatissimo della sua storia essendo divisa tra due fazioni dopo la cacciata dell’ ex Presidente Omar al-Bashir.L’ emittente Al Arabya segnala: ” un video che mostra manifestanti sudanesi che superano barriere nel perimetro del quartier generale dell’esercito a Khartoum”oltre che ” feriti in scontri tra manifestanti e forze di sicurezza davanti al quartier generale dell’ esercito sudanese”. Forte preoccupazione è espressa anche dal governo americano che attraverso Jeffrey Feltman, inviato degli Stati Uniti per il corno d’ Africa, ha denunciato l’ arresto di leader civili da parte dei militari come contrari alla ” dichiarazione costituzionale (che regola la transizione nel Paese) e le aspirazioni democratiche del popolo sudanese”. Il ministro degli esteri e capo del partito islamico moderato Mariam al-Mahdi, figlia di Sadiq al- Mahdi già leader dell’ opposizione e primo ministro , ha dichiarato “qualsiasi colpo di Stato viene respinto, resisteremo con ogni mezzo civile”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.