Vicinanza e adesione ai princìpi cardine di FIABA. Rosaria Brocato racconta gli esordi e l’impegno che continua nel tempo.

1
947
Rosario Brocato, Responsabile del Gruppo Scuola di FIABA.

L’incontro iniziale con il Presidente Giuseppe Trieste risale ai primi anni 2000 sul palco del Teatro Orione, a Roma, nel breve spazio di saluto che precedette l’inizio di uno spettacolo di varietà i cui proventi erano in parte destinati all’Associazione FIABA Onlus.

Le parole del Presidente sottolineavano già allora la necessità di migliorare la mobilità cittadina e abbattere le barriere architettoniche a favore delle persone con disabilità e nel contempo di tutti coloro che necessitavano, per situazioni diverse nel corso della loro vita, di un ambiente accessibile e confortevole.

Quello che più attrasse la platea, al di là della componente tecnica del discorso del Presidente Trieste, fu però il suo ripetuto parlare di sogni e di impegno personale da esercitare in forma individuale e collettiva per dare concretezza alle idee.

Apparve evidente il desiderio di approfondire la conoscenza dell’Associazione, le finalità, gli spazi di intervento e, soprattutto, risultò naturale rispondere con entusiasmo alla ‘chiamata alle armi’ che da quel palco, in breve tempo, ci proiettò direttamente sul fronte pacifico dell’azione.

Dedicato a Giovanna … ma anche a tutti gli altri. Dieci storie di integrazione e di Vita tra le aule scolastiche’, editrice FIABA, Roma 2005

Da poco rientrata a Roma dopo un lungo soggiorno in Germania avevo ripreso il mio lavoro di insegnante specializzata di sostegno nelle scuole secondarie di I grado e, soprattutto, portato a termine quel sogno cui faceva idealmente riferimento il Presidente sul palco del Teatro Orione.

Con straordinaria generosità Giuseppe Trieste accolse la bozza dei miei scritti, in pratica una descrizione del mio impegno di insegnante contro le barriere culturali e per l’inclusione degli alunni con disabilità e decise di pubblicare gli appunti trasformandoli in un libro edito da FIABA.

Decisa a dare un mio contributo concreto all’Associazione, i proventi derivanti dalla diffusione e vendita del libro furono da me destinati interamente a FIABA Onlus.

L’esperienza del FIABADAY in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri

Partecipare alla Giornata Nazionale di Sensibilizzazione (FIABADAY), a partire dalla prima domenica di ottobre dell’anno successivo, consentì di aderire stabilmente al messaggio di speranza del Presidente.

L’abbattimento delle barriere architettoniche, in seguito anche di quelle culturali, sociali, sensoriali e relazionali richiamò sin da allora l’impegno costante da esercitare a livello scolastico per la realizzazione dei principali obiettivi.

Ѐ stato un vero piacere, nei tanti anni a seguire, organizzare la partecipazione dei miei numerosi alunni, genitori, docenti e dirigenti alle diverse edizioni del FIABADAY.

Esistono ad oggi importanti documentazioni fotografiche che attestano la presenza alle visite guidate di Palazzo Chigi da parte di intere scolaresche di alunne ed alunni accompagnati da ragazzi con disabilità appartenenti a diverse associazioni.

Tutte e tutti hanno goduto dell’opportunità di presentare i loro progetti sul palco di Piazza Colonna e di riflettere sull’importanza dell’impegno da vivere in prima persona per realizzare un ambiente che sia realmente inclusivo, aperto a tutti e rispettoso della dignità della persona.

La formazione dei giovani e la nascita del Dipartimento Scuola di FIABA

Da sempre interessata alla formazione delle giovani generazioni, FIABAnon ha mai trascurato la diffusione negli istituti scolastici di ogni ordine e grado dei princìpi cardine della cultura delle Pari Opportunità nei più ampi contesti.

Ecco che ancora una volta destinataria di esagerati quanto immeritati apprezzamenti, il Presidente Trieste mi ha fortemente voluta come coordinatrice e responsabile dell’allora costituendo Dipartimento Scuola di FIABA.

Presieduto con elevata competenza professionale e rara umanità dal Dottor Pasquale Capo e sostenuto da un autorevole Comitato Tecnico Scientifico, il Dipartimento Scuola di FIABA ha operato a lungo in sinergia per la definizione delle sue linee programmatiche.

L’inserimento di FIABA nell’elenco degli enti accreditati dal M.I., secondo la Direttiva 170/2016, ha dato un forte impulso al Dipartimento Scuola che dall’estate 2016 ha intensificato il lavoro di organizzazione e diffusione dei corsi certificati di formazione nazionale destinati al personale della scuola.

Impegni istituzionali al fianco del Presidente Trieste

Affiancare il Presidente Trieste in un’infinità di manifestazioni pubbliche e nei più importanti incarichi istituzionali mi ha consentito di mettere a completa disposizione di FIABA l’esperienza acquisita negli anni in campo scolastico.

L’intensa attività e le innumerevoli relazioni umane e professionali stabilite nel tempo hanno confermato il connotato pratico di rilevante significato dato alle azioni e ciò ha contribuito a maturare il senso di appartenenza all’intera comunità.

La Commissione Paritetica FIABA/M.I., tuttora attiva, è incaricata di individuare i progetti vincitori del Concorso scolastico nazionale, giunto alla sua V edizione, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione.

Le partecipazioni di FIABA alla Consulta delle Associazioni dell’Osservatorio permanente per l’inclusione scolastica, istituito dal Ministero dell’Istruzione e ai lavori dell’Osservatorio Nazionale per le Persone con Disabilità (OND) hanno consentito e consentono ancora oggi di intervenire nelle più importanti decisioni ministeriali riguardanti l’inclusione degli alunni con disabilità nelle scuole di ogni ordine e grado dell’intero territorio italiano.

FIABA SCUOLA

In linea con la naturale evoluzione dei tempi FIABA si presenta oggi, ancor più di ieri, salda nel suo impegno a favore dell’abbattimento delle barriere architettoniche e per la diffusione della cultura della conoscenza e della tutela delle persone con disabilità.

Il Dipartimento Scuola, oggi rinnovato, si avvale della collaborazione a livello nazionale di un numero significativo di professioniste e professionisti.

Ognuno di loro mette volontariamente a disposizione del gruppo di lavoro specifiche competenze per mantenere elevato l’impegno a favore dell’innovazione in campo educativo e metodologico.

Uguale importanza viene da tutti attribuita al contrasto di ogni forma di discriminazione e a favore della conoscenza e della valorizzazione dell’unicità della persona a partire dall’educazione delle giovani e giovanissime generazioni.

Grazie alla graditissima ospitalità di Angela Bernardo e a quasi un anno dall’esordio nella Rubrica FIABA su Informazione Quotidiana, la ‘voce’ del gruppo Scuola di FIABA ha ripreso a manifestare pubblicamente il desiderio di impegnarsi per affermare il diritto di tutte e tutti a vivere in un contesto effettivo di inclusione.

L’intensa collaborazione del gruppo Scuola con la sezione FIABA Autismo, diretta da Lucia Carlotta Villa, ha rinnovato l’impulso ad operare in ambito educativo per assicurare ai bambini e ragazzi e alle bambine e ragazze nello spettro autistico una frequenza scolastica attiva e formativa che vada oltre l’ormai richiamo teorico ad un’inclusione quasi mai realizzata.

Amicizia, collaborazione, stima reciproca e partecipazione continuano a caratterizzare l’impegno di tutte e tutti consentendo la progressione dei lavori in un contesto di relazioni stimolanti e appaganti sul piano umano e professionale.

Ringraziamenti

Il gruppo Scuola di FIABA e la Redazione di Informazione Quotidiana ringraziano Caterina Cecchi per gli scatti pubblicati a corredo dell’articolo.

FIABA DAY, 2018 con gli alunni docenti e genitori dell’IC E. PISTELLI di Roma.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.