Stretta sui Superbonus edilizi si attendono novità.

0
223

Dopo che il decreto Sostegni-ter ha limitato la possibilità di cedere i crediti maturati nei confronti dello Stato molte sono state le proteste del mondo produttivo e dei consumatori a cui si sono aggiunte anche quelle di Confartigianato sui posti di lavoro a rischio. Si teme infatti che le nuove misure antifrodi possano portare alla chiusura dei cantieri a causa del blocco dei flussi dei crediti.

Alcune banche come Unicredit e Intesa dichiarano che le operazioni di acquisto crediti stanno proseguendo come prima, altre invece come Banco Bpm hanno sospeso le operazioni Superbonus. In forse anche le 127 mila nuove assunzioni previste dalle imprese edilizie nei primi tre mesi del 2022. Per ovviare a questo problema diversi partiti stanno lavorando a dei provvedimenti. Oggi inizierà l’esame delle proposte nell’ apposita commissione del Senato. Le conseguenze di questo stop si faranno sentire anche su Iva, Irpef e Irap. Lo stesso Governo e la Ragioneria di Stato si sta rendendo conto di non aver previsto le conseguenze delle misure adottate. Sembrano intanto non essersi fermate le commesse a favore dell’Edilizia Acrobatica nonostante la riduzione del bonus facciate che è passata dal 90 al 60%. Per quanto riguarda infatti i dati di gennaio, primo mese interessato dal provvedimento, si è registrato un incremento del 44% pari a 5,47 milioni di euro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.