26.1 C
Rome
giovedì, Giugno 13, 2024
HomeGoalSet&MatchRoland Garros, Nadal e il suo giusto saluto allo Chatrier trattenendo le...

Roland Garros, Nadal e il suo giusto saluto allo Chatrier trattenendo le lacrime

Date:

giovedì, Giugno 13, 2024

“Dammi cinque minuti” cantavano gli Stadio, il riassunto di una richiesta apparentemente innocua e permissiva insita in ogni essere umano fin dalla nascita. Chi di noi da bambino non ha mia chiesto ai genitori i famosi 5 minuti in più al parco giochi, o magari davanti alla Playstation. Rafael Nadal sta facendo esattamente questo, il vecchio leone Re della Terra Rossa vuole ancora divertirsi, e come un bambino chiede ancora 5 minuti di gioco, un attimo ulteriore di esultanza e di goduria, chiede di prolungare ancora di poco la sua esperienza sul campo da tennis. Lo scorrere del tempo purtroppo è un avversario che neanche Rafa può sconfiggere, neanche nel rettangolo rosso in cui per oltre vent’anni ha dimostrato di essere in possesso di qualche lampo di onnipotenza. L’orizzonte del ritiro una volta oltrepassato non permette alcun ritorno al passato, come se fosse un equivalente sportivo delle mitologiche colonne d’Ercole che si credeva segnassero la linea della fine del mondo. Due anni fa, mentre Nadal e Zverev si davano battaglia sullo Chatrier in semifinale del Roland Garros, quell’orizzonte non sembrava poi così vicino. Con una flebile voce, indebolita dall’emozione che lo sta accompagnando e commuovendo in questo Farewell Tour, Rafa ha salutato, al termine di una battaglia invincibile, anche la sua casa parigina. “Magari ci vediamo l’anno prossimo” aveva scherzato al termine dell’ultima partita a Madrid, ancora oggi ha voglia di giocare con il suo pubblico, ha la volontà di tenere aperto uno spiraglio della porta dei sogni: “Non so se è l’ultima volta”. Anche per questo bambino diventato Re è difficile abbandonare il proprio parco giochi; per ora la data del ritiro è solo rinviata (a data da destinarsi speriamo noi fan del tennis), ma la torcia olimpica che corre verso Parigi appare sempre più come una clessidra che al proprio esaurimento sancirà l’inizio dell’ultimo passaggio del King of Clay nel teatro dei 14 storici successi.

Rafa Nadal

E’ giusto così

Se ci pensiamo è giusto così. Primo turno proibitivo, un esordio contro il principale favorito del Roland Garros 2024 poteva essere un sorteggio tragico ed ingiusto, una di quelle partite in cui ancora una volta viene sottolineata la crudeltà dell’assenza del pareggio nel tennis. Nessuno avrebbe voluto perdere uno tra l’Adone teutonico ed il King of Clay così presto nel torneo, ma a pensarci razionalmente non poteva esistere per Rafa un epilogo migliore nella sua Ville Lumiere. Certo, tutti avrebbero voluto vederlo salutare con il quindicesimo trionfo, ma nessuno avrebbe voluto per Nadal un ultima volta come è stata quella a Roma (pesante ko contro Hurkacz al secondo turno 6-1 6-3) o un tracollo nei primi turni contro un qualsiasi “signor nessuno”. Per la verità, l’inizio della partita (break subìto a zero) con Zverev aveva lasciato presagire una seconda tempesta, un’ altra disfatta che non avrebbe reso onore al Re. Poi il ruggito del Vecchio Leone è tornato a farsi sentire all’interno della sua terra rossa, rendendo il 3-0 incassato un risultato bugiardo. A due anni da quel gelo silenzioso che accerchiò lo Chatrier in un pomeriggio di giugno, quando la caviglia di Sascha andò in frantumi inseguendo un lungolinea di Rafa, Nadal esce per l’ultima volta dal campo del Roland Garros, e anche per lui è difficile nascondere le emozioni. “Grazie per ciò che hai fatto per il tennis” ha detto Zverev dopo averlo sconfitto: Rafa ha unito il circuito, ha ispirato quelle generazioni che adesso prendono il suo posto, dal’Adone teutonico ad Alcaraz che oggi era in Tribuna (come il rivale Djokovic) ad assistere alla Last Dance. “Non è vero ceh nella vita abbiamo poco tempo, è che ne sprechiamo troppo” diceva Seneca, ma Rafa, negli anni di dominio sui campi da tennis si è riservato il lusso anche di contraddire il Retore. Nadal non ha mai sprecato neanche un minuto su quel campo, non ha mai lasciato al caso neanche un singolo punto andando costantemente ad inseguire la vittoria in ogni torneo, in ogni set ed in ogni game, qualcosa che spera di poter fare ancora, anche solo per altri 5 minuti.

Articoli Recenti

Con Salvamamme il Grande Cuore di Roma al servizio del bene comune. Dal 12 al 16 giugno nella Città dell’Altra Economia al via il villaggio...

Dal 12 al 16 giugno 2024, la Città dell’Altra Economia di Roma (Largo Dino Frisullo) ospita il grande villaggio della solidarietà, della cultura e della salute di Salvamamme, Croce Rossa Area Metropolitana e OPES. Tir, furgoni,...

Tamberi: la notte più azzurra.

Può essere un "banale" titolo europeo la notte più bella di un atleta che ha vinto Oro Olimpico, Mondiale ed è il primatista della...

NON APRITE QUELLA TOMBA: LA MALEDIZIONE DI TAMERLANO.

Quando nel 1941 Stalin ordinò all’antropologo Mikhail M. Gerasimov di riesumare il corpo di Tamerlano, non avrebbe mai immaginato che una antica maledizione posta...

TERMINA OGGI AQUA FILM FESTIVAL – A ROMA L’ OTTAVA EDIZIONE DIRETTO DA ELEONORA VALLONE CON MADRINA MILENA VUKOTIC.

Termina oggi alla Casa del Cinema di Roma di Villa Borghese con la cerimonia di premiazione (a partire dalle ore 15.00)  l'ottava edizione l’Aqua Film Festival, la rassegna...

La Volpe Argentata Invitational, l’appuntamento più glamour tra golf e auto d’epoca.

Torna l’appuntamento con il golf e le auto d’epoca con il prestigioso evento "La Volpe Argentata Invitational". Domenica 16 giugno si disputerà la sesta...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.