La Commissione Europea ritira le linee sulla comunicazione dopo le polemiche.

0
137

Più simile ad uno scherzo di carnevale che ad un documento serio, questa mattina l’opinione pubblica europea è venuta a conoscenza del documento sulle “linee della comunicazione” elaborata dalla Commissione dell’ Unione . Nel testo veniva ribadito infatti che “ogni persona in Ue ha il diritto di essere trattato in maniera eguale” senza riferimenti di “genere, etnia, razza, religione, disabilità e orientamento sessuale”. E anche le ricorrenze non avrebbero dovuto più essere riferite a connotazioni religiose, come ad esempio il Natale, ma citate in maniera generica come ‘festività’ “. La commissaria UE all’Uguaglianza Helena Dalli, supervisor delle indicazioni per la comunicazione esterna e interna dell’ Unione ha fatto sapere infatti che: “ L’iniziativa delle linee guida aveva lo scopo di illustrare la diversità della cultura europea e di mostrare la natura inclusiva della Commissione. Tuttavia, la versione pubblicata delle linee guida non è funzionale a questo scopo. Non e’ un documento maturo e non va incontro ai nostri standard qualitativi. Quindi lo ritiro e lavoreremo ancora su questo documento”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.