Italia e Stati Uniti insieme nella scoperta dello spazio.

Si chiama Ixpe il nuovo satellite Nasa e Asi con il compito di cercare nuove informazioni sul cosmo

0
218

E’ stato lanciato dalla base di Cape Canaveral ,Ixpe il nuovo satellite che ha il compito di analizzare i misteri dell’ Universo. L’impresa è stata realizzata dalla Nasa ma anche dall’ Asi, l’ Agenzia Spaziale Italiana in collobraziona con il nostro Istituto Nazionale di Astrofisica ( Inaf) e con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare ( Infn). Il satellite è stato messo in orbita da un razzo Falcon 9 della SpaceX. La missione è costata 180 milioni ed è stata ufficializzata già nel gennaio del 2017 nell’ambito del programma Small Explorer ( Smex). L’Italia ha partecipato alla realizzazione dell’ Ixpe ( Imaging X- ray Polarimetry Explorer) versando 20 milioni di euro e offrendo la sua competenza di ricerche e tecnologica. Il coordinamento scientifico è dell’ Inaf mentre l’Infn in collaborazione conAsie il nostro Istituto Nazionale di Astrofisica ha realizzato il Global Pixel Detector ( Gpd), considerato la parte più preziosa di Ixpe. Il satellite è dotato di tre telescopi, realizzati e progettati nel nostro Paese, grazie alla loro tecnologia consentiranno di comprendere come i raggi X di oggetti cosmici molto lontani dall’orbita terrestre siano in grado di polarizzarsi e cercheranno di analizzare la loro vibrazione direzionale il che dovrebbe fornire dati anche sugli ambienti misteriosi da cui provengono. Lo scopo infatti della missione è quello di comprendere fenomeni spaziali impetuosi quanto misteriosi come i buchi neri supermassicci e l’esplosione di supernovae. Al progetto hanno partecipato anche Roma Tre e l’azienda Ohb-Italia. L’ Agenzia Spaziale Italiana ha messo a disposizione della missione di Ixpe anche lo Space Science Data Center ( Ssdc) per l’analisi dei dati e la sua base di Malindi dove il satellite trasmetterà le informazioni le quali saranno analizzati in collaborazione con la Telespazio della Leonardo- Thales. Tra gli scienziati c’è molto ottimismo perchè le immagini che si raccoglieranno grazie alle nuove tecnologie avranno una definizione superiore di 100 volte a quella di 50 anni fa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.