Invitalia-Italia Economia sociale.

0
706

Nell’ ambito della nostra inchiesta sull’economia sociale vogliamo parlare oggi di uno strumento spesso sottovalutato di incentivo a chi sostiene iniziative in questo settore messo a disposizione dall’Agenzia nazionale per lo sviluppo di proprietà del ministero dello Sviluppo Economico, Invitalia. L’Agenzia per statuto è uno strumento attraverso il quale il governo italiano dà impulso alla crescita economica del nostro Paese e ha lo scopo di valorizzare settori strategici, rilanciare l’occupazione, le aree in crisi ed in particolare il Mezzogiorno. Lo scopo è quella di ottimizzare tutti gli incentivi nazionali in grado di favorire startup innovative e nuove imprese. L’agenzia si occupa in particolare di favorire la spesa dei fondi messi a disposizione dall’Unione Europea e dal governo e di valorizzare i beni del nostro patrimonio culturale. L’agenzia riserva uno specifico programma per l’economia sociale denominato “ Italia Economia sociale”. Si tratta di una serie di agevolazioni che il Ministero dello Sviluppo economico mette a disposizione per far sorgere e sviluppare quelle imprese che hanno un’ utilità sociale e seguono uno scopo di interesse generale.

Per ottenere gli incentivi è necessario avere almeno uno dei seguenti obiettivi:

  • 1) incremento occupazionale di lavoratori svantaggiati.
  • 2) inclusione sociale di persone vulnerabili.
  • 3) salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente, del territorio e dei beni storico-culturali
  • 4) conseguimento di ogni altro beneficio derivante da attività di interesse pubblico o di utilità sociale in grado di colmare specifici fabbisogni di comunità o territorio.

Il finanziamento è possibile grazie a quattro diversi decreti. Il Decreto del Ministero dello Sviluppo economico del 3 luglio 2015 che dà vita ad un sistema di aiuto e di incentivazione per diffondere e rafforzare l’economia sociale. Il Decreto interminesteriale ( sviluppo economico, economia-finanza, lavoro e politiche sociali) del 14 febbraio 2017 che stabilisce condizioni e modi per l’accesso ai finanziamenti agevolati, concessi a valere sul FRI da parte di imprese operanti nell’economia sociale.Il decreto di accesso al contributo del Ministero dello sviluppo economico dell’8 marzo 2017 che disciplina i criteri e i modi per la concessione e l’erogazione del contributo a fondo perduto. Il Decreto direttoriale del Direttore generale per gli incentivi alle imprese del 26 luglio 2017 che individua i termini e i modi di presentazione della domanda di agevolazione e fornisce le indicazioni per l’attuazione delle misure a sostegno dell’economia sociale.

Le risorse a disposizione sono pari 223 milioni di euro. Questa cifra è costituita da un Fondo per la crescita sostenibile pari a 23 milioni id euro e da un Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e agli investimenti di ricerca ( FRI) presso la Cassa depositi e prestiti pari a 200 milioni di euro.

Sono finanziabili programmi di investimento tra i 200mila e i 10 milioni di euro. Il finanziamento copre fino alll’80% delle spese ammissibili. Gli aiuti sono di due tipi 1) un contributo non rimborsabile nella misura massima del 5% delle spese ammissibili per programmi di investimento che non devono superare i 3 milioni di euro 2) finanziamento agevolato allo 0,5% annuo e della durata massima di 15 anni che deve però essere accompagnato ad un finanziamento bancario del 30% rispetto al finanziamento totale concesso dalla Banca finanziatrice. Questa deve essere una banca italiana o una succursale di una banca estera che opera in Italia. Deve inoltre aderire alla Convenzione tra il Ministero, Cassa Depositi e Prestiti e ABI così come previsto dal decreto istitutivo del 3 luglio del 2015.

Le agevolazioni sono rivolte a: 1) imprese sociali di cui decreto legislativo D.Lgs. 3 luglio 2017, n. 112, costituite in forma di società 2) cooperative sociali (Legge 8 novembre 1991, n. 381 e successive modifiche) e relativi consorzi 3) società cooperative aventi qualifica di ONLUS (D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 e successive modifiche e integrazioni).

Possono fare domande tutte le imprese che agiscono sul territorio nazionale.

Per informazioni è possibile scrivere a es.info@mise.gov.it .La domanda va compilata secondo la modulistica di riferimento che è disponibile online. Bisogna allegare la delibera di finanziamento e il relativo allegato tecnico riguardante l’impatto socio ambientale dell’iniziativa ( questo documento deve essere redatto dalla banca finanziatrice). Per accedere alla piattaforma è necessario essere in possesso di un’ identità digitale ( SPID, CNS, CIE). Nel caso in cui si dovessero riscontrare difficoltà il ministero mette a disposizione gratuitamente un supporto gratuito. Il ministero infatti può aiutare con i suo tecnici per evitare gli errori formali e valorizzare il progetto di impresa e offre a chi lo desidera tre appuntamento online . E’ possibile avere su questo aspetto ulteriori informazioni chiamando al numero azzurro 848.886.886.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.