Fao, con la difesa delle foreste -3,6 miliardi di tonnellate di CO2 l’anno.

"Liberarne il potenziale per rispondere alle crisi, da quella climatica e guerra al Covid".

0
666

Fermare la deforestazione, ripristinare i terreni degradati e utilizzare le foreste in modo sostenibile sono i tre modi per liberarne il potenziale e riprenderci dall’impatto di crisi come il Covid, i conflitti, la crisi climatica e la perdita di biodiversità, secondo il rapporto 2022 della Fao sullo stato delle foreste nel mondo.



L’arresto della deforestazione e il mantenimento delle foreste da soli potrebbero evitare di emettere 3,6 miliardi di tonnellate di anidride carbonica equivalente all’anno tra il 2020 e il 2050, circa il 14% di quanto è necessario fino al 2030 per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 °C.

“Il perseguimento equilibrato e simultaneo di questi percorsi può aiutare ad affrontare le crisi che si trovano davanti le persone e il pianeta, generando al tempo stesso benefici economici sostenibili, specialmente per le comunità rurali”, scrive il direttore generale della Fao Qu Dongyu nella prefazione al rappor, che è stato presentato al World Forestry Congress a Seoul.



Oltre allo stop alla deforestazione, la seconda strada indicata è il ripristino di 1,5 miliardi di ettari di terreni degradati e l’aumento della copertura arborea che potrebbe aumentare la produttività agricola di un altro miliardo di ettari. Tra il 2020 e il 2050, il ripristino di terreni degradati attraverso l’imboschimento e il rimboschimento potrebbe portare fuori dall’atmosfera fino a 1,5 miliardi di tonnellate equivalenti di CO2 e all’anno, in modo simile a 325 milioni di autovetture a benzina fuori strada ogni anno.

Il terzo e ultimo percorso è l’utilizzo sostenibile delle foreste e la costruzione di catene del valore ecologiche che aiuterebbe a soddisfare la futura domanda di materiali – con un consumo globale di tutte le risorse naturali che dovrebbe più che raddoppiare da 92 miliardi di tonnellate nel 2017 a 190 miliardi di tonnellate nel 2060 – e sosterrebbe economie sostenibili con maggiori opportunità di lavoro e mezzi di sussistenza più sicuri. 

I finanziamenti per le foreste devono almeno triplicare, fino a più di 200 miliardi di dollari all’anno per la sola creazione e gestione, entro il 2030 per raggiungere gli obiettivi di neutralità in materia di clima, biodiversità e degrado del suolo, secondo la Fao.

“I piccoli proprietari, le comunità locali e le popolazioni indigene possiedono o gestiscono quasi la metà – 4,35 miliardi di ettari – dei paesaggi forestali e agricoli del mondo e saranno fondamentali”, si legge nel rapporto sullo Stato delle foreste. Secondo una stima, i piccoli proprietari di tali terreni generano un reddito annuo lordo fino a 1.290 miliardi di dollari. Esistono già più di 8,5 milioni di organizzazioni di produttori per aiutare gli attori locali a partecipare e sostenere una ripresa verde.

Fonte: Ansa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.