Chiude a Napoli palestra di pugilato per ragazzi a rischio.

Comune chiede fitti, maestro a sindaco 'Senza noi armi e droga'

0
1114

“Qui senza di noi solo armi e droga”.

E’ quanto ‘prospetta’ al sindaco di Napoli Lino Silvestri, maestro di pugilato e titolare della palestra Napoliboxe a rischio sgombero per morosità di fitti contestata dal Comune, proprietario dei locali.

   ”Ho sempre pagato quanto previsto dal contratto che siglammo più di 23 anni fa – si difende Silvestri figlio d’arte di Geppino Silvestri pioniere della boxe a Napoli che tirò su campioni come Oliva e Cotena – togliendo ragazzi dalla strada e respingendo anche le minacce dei clan di camorra a cui la presenza della palestra qui nel rione Montesanto ha sempre dato fastidio”.
    ” Ho 50 ragazzi da educare allo sport e solo uno su dieci può permettersi la retta. Mi vengono affidati minorenni ‘complicati’ alcuni dei quali diventano anche dei campioni e per tutta risposta, stamattina – si rammarica mentre alcuni dei suoi ragazzi in attesa dello sgombero si allenano prendendo a pugli i sacchi – mi trovo assediato da polizia, municipale, vigili del fuoco. Forse il sindaco crede che io abbia la palestra nella ricca via Chiaia o a Posillipo. Allora lo invito a scendere dal suo Palazzo e venire qui in Vicoletto sottomonte ai Ventaglieri, vicolo di armi, droga e per ora di boxe che aiuta i ragazzi”. 

ANSA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.