Baba Jaga Fest, il festival del fumetto dedicato alla cultura e ai disegni dell’Europa orientale.

Dall’8 al 10 aprile 2022, Pingo, Industrie Fluviali, e Lostudiodorme presentano Baba Jaga Fest, rassegna dedicata al fumetto dell’ Europa orientale e al rapporto artistico e culturale con il nostro Paese. Industrie Fluviani, Via del Porto Fluviale 35.

0
410

Baba Jaga Fest prende il nome dalla mitica strega del folklore slavo. Personaggio del folklore Baba Jaga anima le leggende e le fiabe dell’est Europa. Si tratta di una strega dalla natura balzana, legata all’antica tradizione animista e sciamanica dei popoli slavi precristiani. Baba Jaga è una dea silvana, legata all’arcano spirito della natura e per questo talvolta è spietata talaltra generosa e benigna. La sua dimora è una piccola capanna legata a terra da zampe di gallina e nascosta nel cuore del bosco protetta dalla folta vegetazione.

Questi i simboli scelti dalla rassegna. Il desiderio di comprendere cosa si nasconde nella dimora della vecchia strega dell’est e di capirne lo spirito è quello di esplorare la dimensione di un’altra Europa, lontana e vicina a noi, che dietro la paura della diversità nasconde con le sue immagini, cultura e umanità. Contro le guerre, i pregiudizi e le paure sono proprio le fiabe , quelle che sentiamo più che autentiche durante la nostra infanzia, capace di indicarci una forza che va oltre ogni barriera e che, attraverso la gioia del gioco e l’incanto di forme e colori, è in grado di farci sentire uniti. Il festival vuole essere anche un ponte con i tanti europei dell’est che vivono a Roma, una città da sempre aperta a diverse culture e alle loro cooperazione, ma che da troppo tempo ha abdicato al suo ruolo.

Baba Jaga Fest, Storie e disegni dall’Europa Orientale è quindi una rassegna che ospita artisti e artiste italiani e stranieri che guardano all’Europa orientale. L’intento è quello di narrare un vasto mondo che va dal Mediterraneo orientale agli Urali attraverso fumetti e illustrazioni e con mostre, workshop, incontri e performance. Tra gli artisti che esporranno le loro tavole al Baba Jaga Fest ci saranno: Eliana Albertini (Italia), Betterpress, Alex Bodea (Romania), Daria Bogdanska (Polonia), Andrea De Franco (Italia), ELSE Edizioni, Maurizio Lacavalla (Italia), Kuš! (Lettonia), Akvile Magicdust (Lithuania), Gvidas Pakarklis (Lithuania), Mark Antonius Puhkan (Estonia), Pauls Rietums (Latvia), Jana Ribkina (Latvia), Aleksandar Zograf (Serbia).

La direzione artistica del festival è di Alessio Trabacchini e Serena Dovì.

Il progetto con cui è stato realizzato il festival è vincitore del bando “ Promozione Fumetti 2021”, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

Il quotidiano Dopodomani in edicola da oggi offrirà ai lettori uno speciale con le tavole in anteprima di alcuni artisti che parteciperanno al festival.

Per maggiori informazioni: https://babajagafest.it/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.