Atletica paralimpica, Tokyo 2020: Ndiaga Dieng quinto e record italiano nei 400

L’atleta ital-senegalese Ndiaga Dieng quinto nella finale dei 400 metri T20.

0
1258

L’astro nascente azzurro Ndiaga Dieng non si smentisce nemmeno nelle gare a lui poco familiari. A Tokyo l’atleta italo-senegalese si porta a casa un quinto posto assolutamente inaspettato nella finale dei 400 metri T20, e lo fa sul palcoscenico più importante, quello delle Paralimpiadi.

Lo specialista del mezzofondo, primatista mondiale degli 800 (competizione non in programma nelle rassegne internazionali), aveva tutti i numeri a posto per affrontare il giro di pista e lasciare il segno. E così è stato.
Il bronzo europeo dei 1500 riesce a frantumare il record italiano per ben 38 centesimi di secondo, correndo in 48.42 e diventando con questo crono uno dei più forti al mondo, in una categoria e in una gara fortemente competitive.

Con una buona partenza e un recupero memorabile negli ultimi 50 metri, Dieng, per tutti Cenga, esprime la sua felicità: “Ne avevo ancora nelle gambe nell’ultimo 100. Forse sono partito più piano di quanto avrei dovuto, ma sono contentissimo di quello che ho fatto, ci ho provato fino all’ultimo. E poi chi se lo aspettava il record? Questo risultato mi dà molta fiducia per i 1500 (del 3 settembre)”.

Domani alle 13.25 lo Stadio Olimpico attende invece il debutto ai suoi primi Giochi del bronzo continentale Marco Cicchetti. La gara del salto in lungo accorpato T44/62/64 è la stessa in cui figurerà il tedesco Markus Rehm, primatista iridato (8.62) e uno dei campioni paralimpici più conosciuti al mondo.

Le gare sono trasmesse in diretta dalla Rai (Rai 2, RaiSport, RaiPlay).

Foto: Bizzi/CIP

Il programma orario degli Azzurri


https://fispes.it/news/atletica-paralimpica-tokyo-2020-il-programma-orario-degli-azzurri

Sintesi classificazioni funzionali

http://www.fispes.it/atletica/classificazioni-funzionali/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.