11.5 C
Rome
sabato, Aprile 13, 2024
HomeCulturaAl Donizetti di Bergamo, Raffa in the Sky: nuova opera ispirata alla...

Al Donizetti di Bergamo, Raffa in the Sky: nuova opera ispirata alla Carrà.

Date:

sabato, Aprile 13, 2024

Mancano pochi giorni al debutto di Raffa in the Sky, la nuova opera ispirata a Raffaella Carrà e dedicata alla società Italiana dal dopoguerra a oggi che andrà in scena al Teatro Donizetti di Bergamo venerdì 29 settembre (ore 20.30), domenica 1° ottobre (ore 15.30), venerdì 6 ottobre (ore 20.30) e domenica 8 ottobre (ore 15.30). La musica è di Lamberto Curtoni, libretto di Renata Ciaravino e Alberto Mattioli da un’idea di Francesco Micheli che firma anche la regia dello spettacolo. L’opera è commissionata è prodotta dalla Fondazione Teatro Donizetti per Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023 ed è la prima volta che una città capitale inserisce nel proprio programma una nuova opera lirica, nella terra che ha inventato questo genere, simbolo dell’Italia nel mondo.

Raffa in the Sky è proprio una vera opera lirica, che si ispira alla figura iconica di Raffaella Carrà, grande protagonista della televisione italiana ma anche personaggio internazionale. Non è un musical o una biografia in musica ma il racconto di una carriera artistica che ha accompagnato, e talvolta stimolato, le trasformazioni della società italiana dell’ultimo mezzo secolo. Attraverso momenti iconici della programmazione televisiva che ha avuto per protagonista la Carrà, l’opera si propone di riflettere sul ruolo dell’artista nella società, sul valore e sull’uso dell’arte, sul ruolo della televisione e degli altri media, senza dimenticare le canzoni che Raffaella ha interpretato, in un racconto che percorre la strada del surreale e del fantastico per parlare a tutti noi.

«Sono fermamente convinto che il teatro debba rispondere ai bisogni brucianti della società – racconta Francesco Micheli a Luca Baccolini nel programma di sala – Viviamo un’epoca che ogni giorno ci squaderna il dramma delle donne iraniane, dei femminicidi, degli stupri, della violenza di genere. Tutto questo perché l’umanità tarda ancora a riconoscere come dovrebbe il ruolo di parità uomo-donna. L’arbitrio e la sopraffazione degli uomini sulle donne continuano a creare voragini di dolore e di ingiustizia. La Carrà cos’ha fatto? Più di mezzo secolo fa, con il suo corpo e la sua voce, ha parlato di libertà della donna, senza per questo essere additata come una pasionaria o un’anarchica. Il «Guardian» una volta ha scritto brillantemente: «Ha insegnato la gioia del sesso a tutta l’Europa». Le barriere all’interno della vita culturale vanno aggiornate e possibilmente abbattute: anche per questo la Carrà dev’essere considerata un soggetto culturale a pieno titolo».

A interpretare Raffaella Carrà in questa nuova produzione bergamasca è stata chiamata la giovanissima Chiara Dello Iacovo, attrice diplomata alla Scuola del Teatro Stabile di Torino e cantante con partecipazioni a Musicultura 2015 e al Festival di Sanremo (Nuove Proposte 2016). Accanto a lei un cast di celebri cantanti d’opera, come Carmela RemigioGaia PetroneDave MonacoHaris Andrianos e Roberto Lorenzi, diretti da Carlo Boccadoro – assiduo interprete di pagine contemporanee – sul podio di un organico orchestrale composto dall’Ensemble Sentieri Selvaggi e dall’Orchestra Donizetti Opera. In scena anche il Coro I Piccoli Musici  diretto da Mario Mora e i danzatori della Fattoria Vittadini. Il team creativo, accanto al regista Francesco Micheli, è composto da Edoardo Sanchi (scene), Alessio Rosati(costumi), Mattia Agatiello (coreografo) e Alessandro Andreoli (light designer).

A proposito della musica di Raffa in the Sky e del suo compositore Lamberto Curtoni, così si esprime Carlo Boccadoro nell’intervista sul programma di sala realizzata da Livio Aragona: «ha trentacinque anni, e dunque non si capisce perché dovrebbe scrivere come un compositore dell’avanguardia novecentesca; i nomi dei protagonisti di quel mondo li legge nei libri di storia; è un allievo di Giovanni Sollima, quindi uno dei rappresentanti principali del postmoderno. L’attitudine mentale di Lamberto lo porta naturalmente a essere il musicista postmoderno per eccellenza della sua generazione. La sua opera si inserisce in una tradizione postmoderna italiana, quella che è iniziata negli anni Ottanta con i compositori neoromantici, nella quale si è cercato di fondere sonorità anche pop e rock con la tradizione dell’opera, dell’opera italiana, in certi casi addirittura con il verismo. Il linguaggio che usa, che non ha nulla di ottocentesco, si inserisce in questa tradizione, per la quale il passato è la linfa, il sangue, il dna di ciò che prende forma, anche quando non passa per citazioni esplicite e riconoscibili. In Raffa in the Sky affiorano anche passi che riecheggiano Donizetti, Mozart e altri, proprio perché in quanto postmoderno Lamberto cita tutti i materiali che vuole, da Donizetti alla Carrà… È una visione del mondo completamente astorica. Per il postmoderno la storia non esiste. La storia anzi è un eterno presente dal quale si può prendere tutto quello che si vuole».

Tante le iniziative che stanno accompagnando il pubblico verso il debutto dell’opera in programma il 29 settembre, tra cui due mostre (una intorno al Teatro Donizetti dedicata al pianeta Arkadia da cui nell’opera arriva Raffa a cura di Sergio Pappalettera di Studio Prodesign, l’altra nel Ridotto Gavazzeni su Raffaella Carrà allestita dal Museo della Radio e della Televisione RAI che sarà inaugurata il 26 settembre), due giornate di studi (19 e 25 settembre) organizzate col CeRTA(Centro di Ricerca sulla Televisione e gli Audiovisivi Università Cattolica del Sacro Cuore) diretto da Massimo Scaglioni, un aperitivo filosofico a cura di “Popsophia festival del contemporaneo”. E ancora spettacoli nei quartieri di Bergamo per raccontare la produzione, il “Carraoke” che ha fatto cantare le canzoni della Carrà per le strade della città, la Community su Whatsapp dove vengono condivise in anteprima le fotografie delle prove, audio con alcuni passaggi musicali dell’opera, informazioni generali sulla produzione (iscrizione attraverso questo link https://bit.ly/1000PerRaffaInTheSky) e le quattro puntate del podcast, disponibile su tutte le piattaforme, nelle quali sono intervenuti esperti, studiosi, cantanti, autori TV, che hanno conversato su diversi aspetti della figura di Raffaella Carrà.

L’opera Raffa in the Sky è realizzata dalla Fondazione Teatro Donizetti grazie al supporto di numerose imprese del territorio che hanno contribuito attraverso l’Art Bonus ed è sostenuta da Intesa Sanpaolo e Brembo, attraverso il Comitato Bergamo Brescia 2023.

Rai Cultura è media partner con il Museo della Radio e della Televisione; Claypaky (azienda di Seriate specializzata nell’illuminazione per l’intrattenimento che rinnova la collaborazione con la Fondazione Teatro Donizetti mettendo a disposizione i propri proiettori per la messinscena dell’opera) è partner tecnico mentre IGPDecaux è partner per la comunicazione out-of-home.

I biglietti sono disponibili online su raffainthesky.vivaticket.it e su teatrodonizetti.vivaticket.it o ancora su teatrodonizetti.it e vivaticket.com; la biglietteria del Teatro Donizetti a Bergamo (Piazza Cavour 15 tel. 035.4160 601/602/603) è aperta da martedì a sabato, ore 13.00-20.00 – biglietteria@fondazioneteatrodonizetti.org). Il costo va da 15 a 110 euro (riduzioni per over 65, under 30 studenti, abbonati alla stagione lirica, gruppi).

CONNESSIALLOPERA.IT

Articoli Recenti

AIP – Suicidi tra gli anziani, Italia maglia nera in Europa. Solitudine e ageismo tra le principali cause della depressione che colpisce un “paese...

“Oltre all’ageismo, vi è una vera e propria epidemia dei paesi occidentali che contano il 30% degli anziani afflitti da solitudine cronica e il 10% da...

Amianto nello stabilimento Colgate Palmolive di Anzio: il Tribunale di Velletri condanna l’INPS a riconoscere i benefici previdenziali a un lavoratore affetto da placche...

 Il Tribunale di Velletri ha accolto il ricorso di Piero De Luca, lavoratore dal 1986 dello stabilimento Colgate Palmolive di Anzio esposto all’amianto e affetto da ispessimento...

IL TRAPIANTO DI RENE: TECNICA, INDICAZIONI, COMPATIBILITA’, COMPLICANZE.

Il trapianto di rene è un intervento chirurgico ormai consolidato, con una lunga storia alle spalle che inizia con il secolo Novecento e che...

Tennis, a Sinner manca solo il rosso. Berrettini maestro dei rientri.

Nel 1982 Giancarlo Antognoni vinse il mondiale di calcio, ma mancò proprio alla partita nella quale ogni calciatore sogna di scendere in campo, la...

La rinascita del vinile nel mondo digitale.

In un'epoca dominata dalla musica digitale, il vinile sta vivendo una rinascita straordinaria, affermandosi come un simbolo di qualità, autenticità e connessione emotiva con...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.