A rischio chiusura la metro A di Roma.

Senza il via libera del governo il 2 gennaio chiuderà parte della metro capitolina. Sarà impossibile infatti senza la proroga del ministero dei Trasporti portare avanti la manutenzione dei convogli. Trattative ad oltranza tra Campidoglio ed esecutivo.

0
297

Il Comune di Roma sta facendo il possibile per evitare la chiusura della Linea A della metropolitana di Roma. Questa drammatica prospettiva potrebbe verificarsi dal prossimo 2 gennaio. Lo scenario è tanto più drammatico in considerazione del fatto che le metro sarebbero sostituite, in pieno boom dei contagi, da bus navette. Il 31 dicembre scade la manutenzione a favore dei convogli della linea A. Il nuovo assessore ai Trasporti Eugenio Patanè ha ereditato il problema dalla precedente giunta e da subito ha avviato trattative con il Ministero dei Trasporti per ottenere una proroga di 10-12 mesi. Contesa è la valutazione sulla sicurezza della Linea. La perizia del Comune, firmata dal professor Andrea Braccioli dell’università di Firenze, stabilisce che la linea Metro A è sicura ma i tecnici del Ministero non condividono questo giudizio. Problemi anche sul fronte sindacale. E’ saltato infatti la trattativa tra l’Atac e Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti Lazio e Ugl Fna che hanno già avviato in prefettura la procedura di raffreddamento per indire uno sciopero di 24 ore nelle prime due settimane di gennaio. I sindacati contestano ad Atac le condizioni di sicurezza degli autisti e dei passeggeri a causa del pericolo Covid dovuto alle capienze dei mezzi di trasporto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.