Truffe gli anziani: a Brindisi con il Luogotenente Matteo De Luca

By on 6 aprile 2018

Truffe gli anziani: a Brindisi con il Luogotenente Matteo De Luca

Sempre più diffuso il fenomeno delle truffe agli anziani, una vera piaga sociale che non risparmia nessun ceto sociale o zona di riferimento, dal centro alla periferia. Si assiste “inermi” al falso incidente del figlio/nipote oppure si mima un falso rumore ( si lancia un sassolino facendo credere di aver tamponato, per cui si costringe l’anziano a pagare subito, anziché fare la constatazione amichevole, il che è sinonimo di truffa verso gli anziani), oppure si è vittime di raggiri di presunte assistenti sociali, badanti, o ancora del tecnico della luce che entra in casa, e con la scusa del controllo di una bolletta svaligia l’intero appartamento, rubando banconote ed oro.

Altri truffatori si possono intravedere per strada, come ad esempio i finti funzionari che pretendono di riscuotere denaro in casa, senza aver mai preso un appuntamento; ci sono anche quelli dalla indole “caritatevole” , pronti ad aiutare l’anziano a portare la busta della spesa: sono tutte tecniche di truffa aggravata e violenta  nei confronti di persone avanti negli anni, un po’ più vulnerabili e anche più deboli. Le truffe, in particolar modo nei confronti degli anziani, costituiscono ad oggi un problema molto grave per una serie di fattori che, determinati dall’allungamento  dell’età media delle persone, comportano una maggiore presenza in città, nei quartieri e in periferia di anziani sempre più soli, facili prede di soggetti senza scrupoli.

A tal proposito a Brindisi nella giornata del 24 Marzo presso il salone fieristico, Matteo De Luca- Luogotenente C.C.  e relatore dell’incontro organizzato dal Comando Generale dei Carabinieri , ha spiegato ai presenti la gravità dei reati per truffa, esponendo in modo specifico le circostanze anomale o sospette che coinvolgono l’anziana popolazione.

E’interessante la promozione di incontri e convegni sul tema delle truffe agli anziani, in virtù del fatto che viviamo in una società esposta al pericolo, alla criminalità e alla violenza, di conseguenza il Luogotenente ha fornito preziosi consigli e suggerimenti per evitare di incorrere in truffe, reati , furti e altre situazioni ad alto rischio. A fronte della sua attività e del suo operare nel settore della prevenzione e repressione dei reati di violenza di genere, Matteo De Luca ha sentenziato dicendo: “ Oggi dobbiamo difenderci da un cancro che è possibile estirpare con la volontà e con l’attenzione giusta. La prevenzione con gesti comuni è alla portata di tutti, basta solo essere attenti alle richieste negative esterne e agli stimoli negativi che il malfattore propone”.

E’quanto dice il Luogotenente per denunciare fenomeni di illegalità, di truffa aggressiva e di una forte cattiveria verso i deboli, a difesa per l’appunto delle persone che si ritrovano in condizioni di minorità,  oltre che di solitudine-il male degli anziani, che De Luca definisce “ diversamente giovani” in un’ottica di condivisione e di solidarietà a favore dei più grandi.

In conclusione, è opportuno seguire un vademecum, composto da accorgimenti per potersi difendere dai truffatori, tra cui: diffidare da chi vuole entrare in casa con assurdi pretesti ( non aprire nessuno), non prendere pacchi da parte di sconosciuti, non accogliere in casa funzionari di banca ( questi stanno negli uffici preposti e non sono tenuti a controllare i soldi) ed inoltre non fidarsi di chi si finge benefattore o amico del momento. In caso di dubbio, è d’obbligo consultare familiari, o meglio chiamare il 112, che saprà dare le giuste indicazioni e le dritte per poter sconfiggere i nemici della porta accanto.

 

a cura di Matteo Spagnuolo

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.