Toscana. Manifestazione della Fpl-Uil Toscana contro i tagli alla sanità regionale.

By on 5 Gennaio 2013

Manifestazione-UilIQ. 05/01/2013 – di Stefano Innocenti

Oltre 200 manifestanti stamani in piazza Duomo, a Firenze, per la manifestazione della Fpl-Uil Toscana contro i tagli alla sanità regionale.

Il corteo, con striscioni, bandiere e trombe, era partito da piazza Stazione con un’infermiera-befana, tre Re magi con doni dedicati al buco della Asl di Massa, alle spese eccessive per robotica e consulenze, ai premi per i manager; ma anche la slitta di Babbo Natale, e un’ambulanza d’epoca con una poesia sarcastica per il governatore Enrico Rossi.

“Entro fine mese la Uil metterà in piedi un numero verde per tutti i cittadini vessati dalla sanità toscana”, ha annunciato il segretario regionale Fpl-Uil Mario Renzi, che ha sfilato in corteo vestito da Babbo Natale: l’iniziativa andrà incontro, ha detto Renzi, “a tutta la gente che non ha voce come gli anziani che dovrebbero farsi un intervento per la protesi all’anca a novembre, e se tutto va bene lo faranno a maggio, e non sanno a chi rivolgersi. Così avranno un numero da chiamare, e noi segnaleremo i casi al Consiglio regionale, agli organi di informazione, cercando soluzioni”.

Il segretario Fpl ha definito la replica di ieri alla Uil dell’assessore regionale alla salute, Luigi Marroni, il quale ha ribadito che i conti sono in ordine, “molto educata e puntuale, non mi aspettavo diversamente: a lui compete difendere le scelte del suo referente politico, Marroni è un assessore tecnico, non poteva entrare in questioni di carattere politico che sono oggetto della nostra manifestazione. Con lui nessuna polemica. Quello che dice lo prendiamo come si prendono le parole di un buon tecnico, una persona preparata, molto seria e responsabile: noi però chiediamo conto a chi ha le responsabilità vere, quelle politiche”.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.