Storace: Io e Fini..

By on 6 Novembre 2013

storaceIQ. 06/11/2013 – “Eppure, Guido Crosetto mi è’ davvero simpatico ed è soprattutto una persona educata. Se lo chiami risponde al telefono, se gli invii un sms ti risponde praticamente in diretta. Poi, twitta direttamente, e’ disponibile sulla rete, non si fa aiutare da uno staff: e’ uno vero. Ma anche a lui capita di prendere cantonate.

E’ l’uomo nuovo di Fratelli d’Italia, così come lo era Domenico Fisichella per Fini in An. Lui, però, più emotivo, l’altro, il professore, molto più razionale. E pertanto poco incline alle smargiassate. Trasecolo nel leggere sul Foglio questo suo virgolettato: “Fini sta cercando di ingraziarsi e di fare pace persino con Berlusconi, pur di rientrare nel ‘giro’, ma in realtà sta trattando con Storace per scongelare, proprio grazie ai buoni uffici del Cav., simbolo e patrimonio degli ex An. L’operazione – attribuisce ancora Il Foglio a Crosetto – potrebbe riuscire grazie al fatto che il Cav. ‘dispone’ dei voti pesanti dentro la Fondazione An: Matteoli, Gasparri, ecc”.

Attendendo le sue scuse – ma ovviamente non le farà, vittima del retaggio democristiano d’origine – Crosetto avrebbe fatto bene a dire la verità, a informarsi e non a disinformare. Non vedo personalmente Fini – e non lo vedevo da anni – dal giorno in cui Teodoro Buontempo entrò nel coma che poi lo porto’ alla repentina scomparsa, quando venne nella clinica dove era ricoverato. Lo avvisai su precisa richiesta della moglie del nostro presidente, Marina. L’ultimo contatto l’ho avuto via sms a commento del suo libro, che spiega a sufficienza perché sarebbe complicato fare politica insieme con la sua continua rivendicazione di antifascismo permanente e una euromaniacalita’ che non condivido affatto. Gliel’ho scritto con cordialità perché sono persona educata e non rancorosa. Crosetto si lamenta del trattamento negativo riservato da Fini nel suo libro agli esponenti di Fratelli d’Italia più in vista. E che pretendevano, gli applausi?

Poi, si cita confusamente Alemanno, secondo cui – o secondo il disinformato estensore dell’articolo – il destino della fondazione An non deve essere deciso dal comitato esecutivo in cui sarei pure io. Atra informazione sballata: non ne faccio parte e visti i rumors sulla moneta sonante che circola, non me ne frega nulla di farne parte.

Un’avvertenza al redattore del Foglio: sabato a Roma non ci saranno due manifestazioni di destra. Ce ne sarà una sola, la nostra, per proporre di riunire un mondo attorno ad un simbolo federatore, come quello di Alleanza nazionale. Le due manifestazioni concomitanti saranno la settimana successiva, il 16, organizzate da due formazioni politiche che si definiscono di centrodestra: il consiglio nazionale, se confermato, che sancirà il ritorno dal Pdl a Forza Italia, e la conferenza dell’Officina promossa da Fratelli d’Italia”.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.