Stabilità e pubblico impiego: Cgil Cisl Uil, domani presidio a Montecitorio per contratto

By on 14 Dicembre 2015

Comunicato Stampa Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uilpa

Stabilità e pubblico impiego: Cgil Cisl Uil, domani presidio a Montecitorio per contratto

Messaggio speciale a governo Renzi, a Natale niente regali ma rinnovi subito

Roma, 14 dicembre 2015 – Un pensiero speciale, in vista del prossimo Natale, da consegnare direttamente al presidente del Consiglio. Un messaggio netto e chiaro per ribadire come le lavoratrici e i lavoratori dei servizi pubblici non si aspettano ‘regali’ sotto l’albero ma il riconoscimento di un loro diritto: un contratto giusto, che manca ormai da oltre sei anni. Lo ‘consegneranno’ Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa domani (martedì 15 dicembre) al governo in occasione del sit-in che si terrà a Roma in piazza Montecitorio dalle ore 10.30 alle 13.30, in contemporanea con la discussione alla Camera dei deputati sulla legge di Stabilità.

Dopo la grande manifestazione del 28 novembre scorso a Roma, con i 30 mila in piazza per rivendicare – dietro le parole ‘Contratto subito, pubblico 6 tu’ – le categorie del pubblico impiego di Cgil Cisl e Uil tornano a far sentire la protesta dei lavoratori dei servizi pubblici contro l’assordante silenzio del Governo nei confronti di un rinnovo dei contratti atteso da oltre sei anni. In piazza domani, alla presenza dei segretari generali Rossana Dettori (Fp-Cgil), Giovanni Faverin (Cisl-Fp), Giovanni Torluccio (Uil-Fpl) e Nicola Turco (Uil-Pa), saranno ‘consegnati’ al premier, Matteo Renzi, e alla ministra della Pa, Marianna Madia, “gli auguri di milioni di lavoratrici e lavoratori pubblici che, anche quest’anno, dovranno festeggiare con la scatola vuota della legge di Stabilità”.

Il Segr.Gen. UIL FPL Giovanni Torluccio

Il Segr.Gen. UIL FPL Giovanni Torluccio

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.