Si profila un nuovo braccio di ferro tra Salvini e la magistratura.

By on 28 Gennaio 2019

All’iniziativa del prefetto di Siracusa, naturalmente ispirata dal Viminale, di isolare di fatto la SeaWatch impedendo a qualsiasi imbarcazione di raggiungerla, ha risposto la prima valutazione del procuratore di Siracusa, Fabio Scavone, sull’operato del comandante della nave. Salvini dice di avere denunciato quest’ultimo per aver violato le leggi ed essersi diretto verso l’Italia, anziché verso la Tunisia, in vista del peggioramento delle condizioni meteo.

“Il comandante non ha commesso alcun reato, ha scelto la rotta per lui piu’ sicura”, la prima valutazione del magistrato che, da ex ufficiale della Marina, ha una approfondita conoscenza delle norme della navigazione. Sembra sfumare così l’auspicio del governo di veder sequestrare la nave per il comportamento dell’equipaggio della Sea Watch. La Ong tedesca, da parte sua, precisa che la Tunisia non ha mai risposto alla richiesta del governo olandese di far riparare la nave nel porto di Zarzis, che già in una precedente occasione si era rifiutato di accogliere la Sea Watch. Per questo il comandante avrebbe deciso di far rotta verso l’Italia.

Sul tavolo del procuratore di Siracusa potrebbe però arrivare un altro esposto, preannunciato dal deputato Davide Faraone, che ricorda come – bloccando lo sbarco dei 47 migranti – Salvini stia reiterando il reato di sequestro di persona che – secondo il tribunale dei ministri di Catania – avrebbe commesso ad agosto per l’analogo caso della Diciotti. Se il pm condividesse l’assunto dei colleghi potrebbe intervenire per interrompere il reato disponendo la discesa a terra dei 47 migranti.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.