Si indaga a 360 gradi sulla morte di Mattia Mingarelli

By on 26 Dicembre 2018

Si indaga a 360 gradi sulla morte di Mattia Mingarelli, 30enne di Albavilla (Como) che era scomparso nel nulla il 7 dicembre, e che era stato ritrovato cadavere in un bosco della Valmalenco (Sondrio). Le cause del decesso non sono ancora chiare ma gli inquirenti non escludono nessuna pista inclusa quella dell’omicidio. Il corpo senza vita dell’uomo è stato rinvenuto a poca distanza dal rifugio Barchi, a Chiesa in Valmalenco, in luoghi che erano stati a lungo battuti da decine e decine di uomini del Soccorso Alpino, militari del Sagf della Guardia di finanza, Vigili del fuoco e volontari della Protezione Civile malenca. Il dubbio è quindi che possa essere stato collocato lì più di recente.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.