Scriveva «squola», maestra licenziata.

By on 1 febbraio 2018

Scriveva «squola», ma anche «sciaquone», e dove servivano le doppie le ometteva, salvo aggiungerle nelle parole che non le hanno. Epilogo scontato per la maestra «didatticamente incapace», che ora, dopo l’allontanamento dalla scuola si è vista confermare il licenziamento dal giudice del lavoro di Venezia. La donna – riferisce la Nuova Venezia – insegnante fino a tre anni fa in una elementare della provincia di Venezia, a Veternigo, frazione di Santa Maria di Sala, aveva fatto ricorso al giudice del lavoro contro la decisione del ministero dell’Istruzione, che l’aveva lasciata a casa dopo la segnalazione della preside. Anche la magistratura ha deciso che la maestra non poteva più insegnare. Erano stati i genitori dei bimbi delle due classi di prima elementare, dove la donna insegnava italiano, ad accorgersi degli strafalcioni nelle correzioni e nei compiti assegnati dalla maestra. Per protesta erano arrivati a tenere a casa i figli, in attesa dell’allontanamento dell’insegnante.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *