Sciopero dei trasporti pubblici, da Milano a Napoli.

By on 18 Marzo 2016

Roma – A Roma bus, metro, tram e treni locali gestiti da Atac sono a rischio dalle 8,30 alle 12,30. E’ stato in seguito all’intervento del prefetto Franco Gabrielli che l’astensione è stata ridotta a quattro ore, in considerazione dei “rischi di gravi ripercussioni sul sistema di mobilità derivanti da una serie di fattori che vengono a concentrarsi” venerdì in città, come l’incremento dei flussi di pellegrini e visitatori in una data a ridosso della “Domenica delle Palme”.

Per i treni regionali del Lazio Trenitalia ha fatto sapere che la circolazione sarà pressoché regolare, anche al di fuori delle fasce oraria di garanzia nelle quali sono assicurati per legge i servizi minimi. Assicurato il collegamento tra Roma Termini e l’aeroporto di Fiumicino con il “Leonardo Express”. Circolano regolarmente anche le Frecce. Alcuni treni Intercity che non rientrano tra quelli “garantiti” potranno essere cancellati o limitati nel percorso.

Milano e Lombardia – Rischio paralisi anche a Milano e in Lombardia, con lo stop a mezzi pubblici, treni, aerei. A Milano l’agitazione è prevista, per le linee di superficie, dalle 8,45 alle 15,00 e dalle 18,00 al termine del servizio e, per le metropolitane, dalle 18 al termine del servizio.

Lo sciopero generale coinvolge anche il trasporto ferroviario. Quindi “i treni regionali, suburbani e a lunga percorrenza – informano a Trenord – potranno subire ritardi, variazioni o cancellazioni” dalle 21 di giovedì 17 alla stessa ora di venerdì.

Coinvolti anche i collegamenti aeroportuali “Milano Cadorna/Milano Centrale – Malpensa Aeroporto” e “Malpensa Aeroporto – Bellinzona”. Previsti autobus per l’eventuale sostituzione delle corse non effettuate tra Milano Cadorna e Malpensa Aeroporto (no-stop) e tra Malpensa Aeroporto e Bellinzona.

Manifestazioni a Milano, Napoli e Firenze.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.