Scajola sapeva che Biagi era in pericolo di vita.

By on 21 Maggio 2014

L’ex ministro dell’Interno Claudio Scajola era a conoscenza del pericolo che il giuslavorista Marco Biagi, poi ucciso dalle Br, stava correndo. Tra i documenti sequestrati a Scajola dalla guardia di finanza, secondo il “Corriere della Sera”, anche un’informativa da lui vistata sulle minacce che Biagi, al quale era stata tolta la scorta, stava ricevendo. Scajola aveva sempre affermato di non essere mai stato informato.

I documenti sarebbero stati sequestrati oltre un anno fa nella villa a Imperia. Fascicoli che riguardavano, tra l’altro, il G8 di Genova e appunto l’omicidio di Marco Biagi e si intrecciano con quelli trovati nell’abitazione di Luciano Zocchi, capo della segreteria dell’ex ministro, nel corso di una perquisizione effettuata un anno fa nell’ambito dell’indagine su una presunta truffa ai danni dei Salesiani. Anche in quell’occasione, gli investigatori trovarono materiale relativo al G8 e alla morte del giuslavorista ucciso dalle Br.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.