Salute.Torluccio( UIL-FPL): ormai si gioca con la vita delle persone.

By on 16 Settembre 2014

“Non si tratta di spending review, ma ancora una volta di tagli lineari quelli preanannunciati dal Governo e subito rimpallati  in tutti i talk show dalla schiera dei fidi collaboratori, con una disinvoltura incredibile”. Questo il commento del Segretario Generale della UIL-FPL, Giovanni Torluccio, sulla volontà del Governo di non fare un passo indietro nel tagliare ulteriori 3 miliardi di Euro dal Fondo Sanitario Nazionale, anche dopo le forti proteste dei Governatori.

Il Segretario Nazionale della Uil Fpl Giovanni Torluccio

Il Segretario Generale della Uil Fpl Giovanni Torluccio

“Ci chiediamo se questi stessi personaggi che seduti comodamente in salotti televisivi dichiarano l’assoluta ovvietà di reperire i 3 miliardi di Euro dal FSN, abbiano mai fatto la fila ad un CUP per prenotare un esame diagnostico e vederselo assegnato dopo 6 mesi e più . O se siano mai capitati in  un Pronto Soccorso, dove le persone restano anche giorni per la mancanza di posti nei reparti. Se sanno che a causa degli organici sempre più assottigliati  da anni di blocco del turn over la sicurezza e la continuità delle cure viene messa a rischio, nonostante i turni massacranti a cui sono sottoposti gli operatori. La verità è che i posti letto e le dotazioni di personale non si fanno con le slide e tantomeno con gli annunci. A fronte di questa drammatica situazione, pensare di tagliare anche un solo euro sulla sanità è una vergogna – prosegue Torluccio “ed è una ipocrisia affermare che questi sono “risparmi”: i risparmi si fanno a valle, ma se riduco a monte il finanziamento allora sono tagli, gli ennesimiche al solito cadranno sulla sanità in maniera assolutamente indiscriminata, colpendo spesso chi aveva già operato seri progetti di riorganizzazione e razionalizzazione.”

“Proseguendo su questa strada -conclude il Segretario- finiremo come molti altri Paesi del mondo, dove prima di effettuare una semplice analisi chiedono la carta di credito. Corriamo il rischio di creare una sanità dove solo i ricchi potranno curarsi”-afferma il Segretario, che conclude “ tagliare il Fondo Sanitario Nazionale oggi vuol dire tagliare servizi ai cittadini . Chi lo fa si assume la responsabilità di mettere in discussione il diritto alla salute, sancito nella nostra Costituzione.”

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.